Parrocchia San Giuseppe Lavoratore - Scalea

 

Home.

 

Elenco delle famiglie individuate per la recita del rosario in questo mese di maggio nel giorno concordato con la famiglia.


1. Occhi Ludovico giovedì  9 ore 18:30 Quartiere Arenile;
2. Almira giovedì 16  - ore 18:30 - Quartiere Fischia;
3. Galiano M. Pia  Quartiere Gelsi; 
4. Amoroso: Quartiere San Giuseppe;
5.  Carmelina venerdì 17 - ore 18:38 Quartiere  Madonnina:
6. Giuseppina, Parco Marina Quartiere Cutura

 

05 Marzo 2019  - Verbale del Consiglio di Azione Cattolica

Il giorno 05 Marzo alle ore 16,00 si è riunito, nei locali parrocchiali, il Consiglio di Azione Cattolica. Erano presenti : l'assistente Mons. Cono Araugio, la Presidente Irma Di Gregorio, la responsabile adulti Giulietta Conforti, e la sottoscritta segretaria Carmela Sforza.  Il consiglio ha avuto inizio con la preghiera per la Santa visita Pastorale del nostro Vescovo Leonardo Bonanno, che avrà luogo dal 30 marzo al 13 Aprile prossimo venturo.

Prendendo la parola la Presidente Irma, ha confermato la volontà di animare la Via Crucis del 22 Marzo, alla celebrazione delle ore 16,30, in Chiesa. Si provvederà a preparare un commento per ogni stazione della Via Crucis stessa. Per quanto riguarda il ritiro quaresimale è stato stabilito per il 17 Marzo nel pomeriggio dalle ore 15,30 alle 17,30. Avremo la presenza del Sacerdote Don Roberto Oliva, con tema: " Discernimento nella vita spirituale ".

L'impegno che dobbiamo curare è l'inizio della Santa visita Pastorale che avrà inizio il 30 marzo, con la concelebrazione nella nostra parrocchia. Il Vescovo incontrerà  le autorità civili, e al termine si prevede un àgape fraterna , Mons. Cono suggerisce di incontrarsi come Unità Pastorale, in modo da poter meglio coordinare la realizzazione dell' àgape,  possibilmente preferire la realizzazione di cibi preparati in casa.  

Il giorno 2 Aprile il nostro Vescovo incontrerà nel pomeriggio i ragazzi dell'Iniziazione Cristiana al Parco degli Angeli e a seguire potrebbe, se ritiene, incontrare le varie aggregazioni presenti in parrocchia. Un'altra data importante da curare a livello di àgape è il giorno 13 Aprile che vedrà protagonisti soprattutto i giovani, anche in quell'occasione cerchiamo di essere accoglienti e generosi nell'offrire le nostre risorse culinarie.

Per il mese di maggio si è pensato di impegnarsi, come gruppo di Azione Cattolica, alla recita del Santo Rosario nei vari quartieri..... una volta alla settimana o se si può anche, magari per un solo quartiere , per una settimana intera.

Con l'esortazione di Mons. Cono a " lavorare con serenità, accettando come volontà di Dio, tutto ciò che ci viene donato di vivere ", e la preghiera del Padre Nostro, il Consiglio si è concluso alle ore 17,10.

Domenica 27 gennaio l'Azione Cattolica Adulti al Campo di internamento a Ferramonti di Tarsia

Un  sole sfolgorante ha illuminato la giornata della Memoria, domenica 27 gennaio, quando, come gruppo di Azione Cattolica Parrocchiale, abbiamo deciso di recarci in visita in un luogo dove nessuno dei partecipanti  era ancora andato.   Abbiamo esteso l’ invito anche a non aderenti di A.C., pensando di offrire una opportunità di arricchimento a quanti erano desiderosi di tenere viva la memoria su avvenimenti che hanno tragicamente segnato la storia del secolo scorso, quando, tra il 1933 e il 1945 persero la vita circa 15-17 milioni di persone, come risultato diretto dei processi di persecuzione razziale e politica, di pulizia etnica e di genocidio, messe in atto dal regime  nazista del Terzo Raic e dai loro alleati. Ma l’invito è stato non raccolto.

La curiosità di ampliare il nostro patrimonio di relazioni,  mettendoci in ascolto delle voci e dei volti che avevano popolato il campo di internamento Ferramonti, e la  consapevolezza  che ci saremmo arricchiti tramite l’ esperienza   di incontro diretto con i luoghi e le storie di coloro che lì avevano soggiornato, ha sostenuto il nostro andare! Siamo  giunti dopo un viaggio confortevole, e subito ci siamo recati all’interno del museo,  dove abbiamo potuto ,con calma, osservare immagini e documenti storici che ci hanno testimoniato una realtà di povertà, di sofferenza, di miseria resa, però,  meno dura dalla clemenza del commissario di pubblica sicurezza a cui era stata affidata la direzione del campo e  dalla accoglienza e dalla solidarietà dei residenti del posto che, secondo testimonianze dirette tramandate oralmente, raccontano di come si effettuassero baratti di generi alimentari forniti dai contadini del posto, scambiati con oggetti e beni che i prigionieri possedevano.

In effetti, nonostante le condizioni critiche, gli internati erano riusciti a dotarsi presto di organi di autogestione, associazioni culturali e religiose. Con l’arrivo dei primi nuclei familiari si erano organizzati persino una scuola, un asilo ed istituzioni assistenziali. Il rabbino Riccardo Pacifici ed il nunzio apostolico Francesco Borgoncini-Duca in più occasioni avevano assicurato il conforto spirituale e il padre francescano Callisto Lopinot, per tutti i quasi cinque anni di esistenza del campo, aveva seguito passo passo tutte le vicissitudini dei prigionieri, dando assistenza spirituale e conforto morale a tutti gli internati, senza distinzione di razza, di cultura, di fede religiosa, di ideologia politica.

Gli internati del campo di Ferramonti,  costretti ad interrompere forzatamente le proprie vite, abbandonare le famiglie e ad essere totalmente isolati dall’esterno, avevano ricreato all’interno del campo un clima di collaborazione e partecipazione che rendeva meno dolorosa la loro situazione di prigionieri.  Molte foto e atti legali testimoniano che all’interno del campo si svolgevano cerimonie religiose, matrimoni e festività;  furono messe in scena opere teatrali, organizzati concerti e concorsi letterari...attività sportive, compresi tornei di calcio! Il tutto col consenso del direttore che, per controllare meglio la situazione nel campo, concedeva agli internati quel minimo di libertà: era più facile gestire con l’aiuto della milizia mille persone ad un concerto o ad una partita di calcio che 1000 persone sparse tra le baracche del campo! 

Intanto che noi  facevamo  il giro dei due padiglioni adibiti a museo, è arrivato il momento della celebrazione  religiosa, che prevedeva la deposizione della corona  in memoria degli internati di Ferramonti:  alla preghiera del parroco di Tarsia è seguita la preghiera del Rabbino della Sinagoga di Napoli che, al canto di un salmo in ebraico, terminato con una supplica per la pace,  ha fatto seguire il suono dello  Shofar  che, per alcuni di noi, è stato il momento più emozionante della giornata.

“l suoni dello Shofar infondono un sacro timore, e toccano il nostro cuore con un'acuta vibrazione, provocando pentimento, implorazione, e umiltà. Infatti, il vero suono dello Shofar, donatoci dalla tradizione, richiama quello di singhiozzi rotti a sospiri.” © Copyright, tutti i diritti riservati it.Chabad.org Successivamente, nell’intervento di saluto e di memoria del Rabbino, abbiamo appreso che lo Shofar, strumento a fiato realizzato con un corno di ariete, veniva usato fin dai tempi più antichi nel rituale ebraico… “è come se fosse il soffio di Dio Creatore che infonde la vita” <<L’uomo suonando lo shofàr chiama in causa il Creatore che a sua volta si ricorda di chi lo invoca.>>

La mattinata è proseguita all’interno della Sala Conferenze, con i saluti delle Istituzioni politiche e religiose;  la consegna delle medaglie d’onore ai cittadini italiani, militari e civili, deportati e internati nei lager;  la presentazione del libro L'ecumenismo «vissuto». Il frate cappuccino Callisto Lopinot cappellano del campo di concentramento a Ferramonti di Tarsia” di Salvatore Belsito – editore D. Guzzardi; un intermezzo musicale proposto dal Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano Spazio Europeo della memoria musicale Federico Mompellio;  il conferimento del Premio della Pace al Prof. Andrea Riccardi, Presidente della Società Dante Alighieri.

Dopo un ulteriore giro di esplorazione nelle sale dedicate al museo, per catturare immagini, volti, suoni;  dopo aver incontrato e scambiato saluti con amici, conoscenti e sconosciuti appena integrati da amici, ci siamo avviati verso il luogo scelto per condividere il pasto in fraternità. Avevamo già contattato l’agriturismo Stillo che ci ha deliziato  servendoci ottime pietanze a base di verdure del luogo e confortandoci con un bel tepore, che ha ritemprato le membra intorpidite dal freddo pungente che aveva spento il calore dei tenui raggi di sole della mattinata.

All’imbrunire siamo  rientrati a Scalea, con il cuore colmo di nuove emozioni!

Verbale del Consiglio Parrocchiale di Azione Cattolica

Giovedi 17 gennaio alle ore 16,15 si è riunito nei locali parrocchiali il Consiglio di Azione Cattolica, per un breve confronto sull'andamento del gruppo e per una sommaria programmazione che ci porti fino alla Quaresima-Pasqua. Erano presenti: la Presidente, Irma Di Gregorio, la responsabile adulti, Giulietta Conforti, la segretaria sottoscritta Carmela Sforza; Mons, Cono Araugio, nostro parroco e assistente ci avrebbe raggiunti più tardi, poichè impegnato nella celebrazione Eucaristica.

Prendendo la parola la Presidente Irma riafferma la volontà, condivisa da tutti noi, di voler effettuare una visita al Museo della Memoria Ferramonti di Tarsia, in occasione della Giornata della Memoria celebrata ogni anno il 27 gennaio. La responsabile Giulietta si dice disponibile a preparare un invito che possa coinvolgere tutta la comunità, e a contattare le varie fonti perchè la visita stessa sia attuabile.

Intanto ci raggiunge l'Assistente Mons. Cono, la Presidente Irma ribadisce la volontà di realizzare un incontro interparrocchiale, cosi si pensa, su consiglio, anche del parroco, di scegliere come tema " Vivere in sinergia il servizio di evangelizzazione nel nostro territorio ". Questo incontro, previo invito alle altre due associazioni presenti sul territorio, dovrebbe realizzarsi in una data da concordare, ma che vada dal 7 al 17 febbraio 2019. Confrontandoci un pò sull'andamento del gruppo, concordiamo che è bene continuare il nostro percorso sul testo completando la sezione: " Ascoltare" ,  e poi: " Discernere per Generare" in prossimità della Quaresima, utilizzando il materiale audiovisivo che il testo stesso propone.

Mons. Cono propone di scegliere una data per animare la Via Crucis in Chiesa e stabiliamo il 22 Marzo 2019. E per un ritiro di Quaresima proporremo al gruppo due date: 01 Aprile oppure 08 Aprile, comunicando anche la data del ritiro di Quaresima che propone l'équipe diocesana per il 10 Aprile. Cosi in base alla volontà e alle esigenze degli associati cercheremo di vivere al meglio questo momento di spiritualità. Con una breve preghiera alla Madonna il Consiglio Parrocchiale si è concluso alle ore 18,45.

 

Domenica 25 novembre 2018

 

1.     Signore, guarda con bontà il tuo sacerdote don Paolo che, in umiltà di cuore, ma con impegno missionario, vive  il mandato di Assistente Unitario dell’Azione Cattolica Diocesana: rendilo sempre più fervente nella fede, instancabile nell’amore, generoso nella misericordia, per aiutare ogni aderente associativo a professare la fedeltà a Cristo ed alla Chiesa. Preghiamo

2.     O Signore, illumina con il tuo Santo Spirito  il nostro giovane seminarista Gabriele ed  i giovani che si sentono chiamati al sacerdozio o alla vita consacrata, perché sappiano, con fiducia, aprire il cuore alla vocazione di spendere la propria vita come dono di amore verso i fratelli. Preghiamo

3.     Grazie, Signore, del dono che hai voluto fare alla nostra comunità, chiamando al suo servizio il caro presbitero don Pierpaolo, che oggi, ufficialmente, entra a far parte della porzione di chiesa di S. Giuseppe Lavoratore: sostienilo con la tua Grazia e con il tuo Amore. Preghiamo

4.     Perché oggi , Giornata mondiale contro la  violenza sulle donne, ogni donna   possa riappropriarsi del ruolo affidatole da Dio in questa società, ruolo unico e insostituibile nella famiglia;  che cessi questa continua violenza sia fisica che psicologica da parte degli uomini, e che la Sacra Famiglia  sia il vero modello di santità da imitare. Preghiamo

5.     O Signore Gesù, non abbandonare gli anziani ammalati, o privi di familiari in grado di accudirli, e che hanno trovato accoglienza nelle Residenze Sanitarie Assistite del nostro territorio; possano trovare personale premuroso e paziente nell’ assistenza e la vicinanza della comunità che, con la preghiera e la presenza,  doni loro briciole di affetto e di gioia. Preghiamo

6.     Per il nostro gruppo di adulti di Azione Cattolica Parrocchiale, sappia essere lievito per la nostra comunità,  esempio di bene per quanti guardano titubanti a questo cammino e sappia dare  testimonianza di coerenza di vita tra fede professata e fede incarnata. Preghiamo

Sabato 24 novembre 2018

1.     Sostieni, Signore, il nostro Assistente don Ernesto, nella sua gioiosa adesione all’Azione Cattolica: possa contagiare quanti si affidano al suo discernimento sacerdotale per crescere, senza barriere di razza e di cultura,  nella fede, nella fraternità e nell’amore vicendevole. Preghiamo

2.     Per l’Azione Cattolica Diocesana, donale signore di essere attenta ai propri aderenti, di farsi prossima a quei gruppi parrocchiali che attraversano momenti di difficoltà e di suscitare nuove persone che condividano questo cammino. Preghiamo

3.     Per tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine che con spirito di sacrificio, condiviso dalle  famiglie, difendono e tutelano il nostro territorio  e  con coraggio affrontano ogni giorno i pericoli e le insidie di una società spesso violenta e corrotta: proteggili, o  Signore, da ogni avversità  e dona loro il giusto discernimento per essere obiettivi e senza pregiudizi. Preghiamo  

4.     O Signore, aiuta noi fedeli laici ad accogliere l’invito a contribuire con generosità e nei modi stabiliti, al sostentamento dei sacerdoti che, nelle parrocchie e nelle varie istituzioni ecclesiali, dedicano la vita alle comunità loro affidate e, con umiltà di cuore e la vita donata ai fratelli, professano la fedeltà a Cristo. Preghiamo

5.     Per le donne che si sentono sole, per quelle che non riescono a dare un senso alla propria vita, per le emarginate, per quelle usate come oggetto di piacere e di consumo, per  quelle che vengono maltrattate nel chiuso delle mura domestiche: dona, Signore, ad ognuno di noi la forza  di farci loro prossimo nel dare aiuto, sostegno e conforto. Preghiamo

6.     Signore, tu che sei Re di amore, fa’ che ciascuno di noi si  interroghi sulla coerenza che tenta di realizzare tra i valori del Vangelo e la propria esistenza di ogni giorno. Sii Re di misericordia e di pace per coloro che, pur ascoltando la tua voce, vivono nella discordia e nella inimicizia. Preghiamo

Venerdì 23 novembre 2018

1.     Per  il nostro Presidente Diocesano Emilio: la sua dedizione alla vita associativa, nel vivere la missione di annunciare gli impegni battesimali della preghiera, del sacrificio e dell’azione e nel promuovere il servizio alla Chiesa, sia faro che illumina il cammino di quanti sono alla ricerca del nostro Signore e Salvatore, Gesù Cristo. Preghiamo

2.     Per i laici che accolgono la vocazione a servire la comunità in ambito artistico, culturale, economico,  politico: dona loro, o Signore, la capacità di saper coniugare ragione e fede, di saper gestire con responsabilità e competenza gli  impegni assunti e di saper agire sempre per il bene comune. Preghiamo

3.     Per noi cittadini di questo territorio, ricco di straordinaria bellezza, perché ci rendiamo conto della necessità di dover custodire con amore le realtà create da Dio, e dalla contemplazione delle creature, eleviamo al Signore la lode ed il ringraziamento per i doni ricevuti. Preghiamo

4.     Per le persone della comunità che, con amore e dedizione, offrono il proprio tempo per curare il decoro e la bellezza della Chiesa, intitolata al nostro protettore S. Giuseppe, in modo che sia degna dimora del Corpo di Cristo e favorisca un autentico incontro con Dio. Preghiamo

5.     Per la nostra comunità, perché il dono dello Spirito ci trasformi e le nostre azioni non siano animate dal bisogno di apparire agli occhi degli uomini, ma dal desiderio di appartenere a Dio, in modo da crescere sempre più nell’ascolto della Parola, attorno alla mensa eucaristica, e diventare segno della sua presenza. Preghiamo

Azione Cattolica Italiana

Descrizione: http://www.parrocchiasangiuseppescalea.it/azione%20cattolica.jpg   Descrizione: C:\Users\client\AppData\Local\Microsoft\Windows\Temporary Internet Files\Content.Word\ManifestoUnitario2018-19 (1).jpg

L’Azione Cattolica della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore invita la comunità ad una tre giorni di conoscenza e di sensibilizzazione sul valore di questa Associazione che, da 150 anni, “collabora alla crescita della comunione tra Laici, Clero e Vescovi”.

Nella nostra Parrocchia, fin dalla fondazione, l’AC è stata sempre al servizio della comunità, con  la sua proposta formativa di educazione alla fede per gli Adulti, i Giovani e i Ragazzi.

Programma della proposta formativa

Giovedì 22 novembre alle ore 20,30

Adorazione Eucaristica

E’ il Signore che ci indica la via da seguire

Venerdì  23 novembre – ore 16,00/18,00

Relaziona il Presidente Diocesano Emilio Cipolla su

“Il ruolo dei laici nella Chiesa, dai Ragazzi agli Adultissimi”

Ore 18:00 Celebrazione Eucaristica

Sabato 24 novembre  – ore 16,00/18,00

Relaziona l’Assistente degli Adulti Don Ernesto Piraino su “L’impegno apostolico dell’Azione Cattolica Italiana”

Ore 18:00 Celebrazione Eucaristica

Domenica 25 novembre – ore 16,00/18,00

Relaziona l’Assistente Unitario Diocesano Don Paolo Raimondi su “L’Azione Cattolica, cammino feriale per una vita di santità”

Ore 18:00 Celebrazione Eucaristica.

 

Al termine Agape fraterna

 Scalea 1 Novembre 2018

Solennità di Tutti i Santi

                                                               Il Consiglio Parrocchiale di Azione Cattolica

 

20 ottobre 2018 - VERBALE  DEL CONSIGLIO PASTORALE

    Il giorno 20 di ottobre 2018, alle ore 10,30, nei locali parrocchiali si è riunito il consiglio di Azione Cattolica. Erano presenti il Parroco - Assistente Mons. Cono Araugio, la Presidente Irma Di Gregorio, la Responsabile adulti Giulietta Conforti e la  Segretaria Carmela Sforza.

    L'incontro è iniziato con la preghiera allo Spirito Santo proposta dalla Presidente. La Responsabile Adulti Giulietta ha esposto la volontà di capire come procedere nel cammino in questo nuovo anno associativo, cosa privilegiare per una crescita del gruppo. Mons. Cono suggerisce di fare un 'attenta analisi del gruppo e comprendere di cosa ha più bisogno. A noi presenti sembra opportuno continuare i nostri incontri di formazione il lunedì, approfondire di più la Parola di Dio e cercare modi concreti di testimoniarla  nella vita quotidiana, promuovere almeno un incontro mensile interparrocchiale, (essendo gli altri due presidenti dettisi disponibili) per un confronto arricchente delle realtà scaleote di Azione Cattolica. Quindi almeno fino a Natale si cercherà di seguire questo proposito, poi si procederà con opportuna verifica, e si deciderà se continuare o riproporre nuove vie.

    Quello di cui tutti siamo certi è il voler continuare con la visita agli ammalati e alle persone sole, Mons. Cono ci esorta a creare dei rapporti più sistematici, anche se con meno persone, per poter creare quel clima di fiducia, che può anche contribuire a far rinascere in chi, si è allontanato dalla pratica religiosa, la gioia di voler incontrare la comunità (nella messa domenicale) per ringraziare e lodare il Signore.

    La Responsabile Adulti Giulietta propone per il mese della pace di organizzare una visita al museo di Ferramonti, (Tarsia) che coinvolga tutta la comunità, per portare a conoscenza, che gli avvenimenti dei  quali sentiamo sempre parlare, non sono accaduti lontani da noi, purtroppo anche nella nostra Calabria sono stati vissuti rastrellamenti e arresti di ebrei da avviare nei campi di concentramento, il Campo di Ferramonti,  al tempo della deportazione di persone di origine ebrea, era un'area adibita alla prima selezione.

    La Presidente propone anche di poter vivere una giornata di ritiro dalle Suore di don Dossetti a Bonifati. Mons. Cono propone di stilare una bozza di programma per poter avere un calendario per il percorso associativo.

     Intanto si pensa di organizzare una tre giorni di sensibilizzazione sul valore dell'Azione Cattolica per i giorni 23; 24 e 25 novembre, nei tre pomeriggi invitando il presidente diocesano Emilio Cipolla, l'assistente adulti Don Ernesto Piraino e l'assistente unitario Don Paolo Raimondi; che curerebbero nel primo pomeriggio un incontro di formazione e a seguire la partecipazione alla Messa Vespertina , concludendo il 25 (domenica) con un agàpe fraterna. Con l'impegno di contattare le tre persone menzionate e nella speranza che tutti i propositi possano realizzarsi il consiglio è terminato alle 11,45 con una preghiera spontanea dell'Assistente.

                                                                                                                                                                                                           La segretaria Carmela Sforza

                                                                                                                                                                                                                    

5 settembre 2018 - Verbale del Consiglio di Azione Cattolica

Il giorno 5 settembre 2018 alle ore 10,30 ha avuto luogo nei locali parrocchiali il Consiglio di Azione Cattolica. Erano presenti Mons, Cono Araugio assistente parrocchiale e nostro parroco, la Presidente Irma Di Gregorio, la vicepresidente/responsabile adulti Giulietta Conforti e la sottoscritta segretaria Carmela Sforza.

Mons. Cono ribadisce la comunicazione da parte della equipe diocesana per una visita alla nostra Associazione nella data 17 settembre prossimo venturo. Purtroppo però questa data non può essere accettata da parte nostra per impegni familiari dei componenti il gruppo stesso.

Prendendo la parola, la Presidente Irma, lamenta la scarsa fedeltà agli impegni presi riguardanti la preghiera dei Vespri, da effettuare nei giorni martedì e venerdì, e la visita agli ammalati nel pomeriggio del giovedì. Questi impegni portati avanti durante l'anno, e già poco frequentati, sono stati ancora più disertati durante l'estate. Ogni associato sicuramente per impegni diversi di famiglia, ma  anche poca responsabilità verso il gruppo stesso.

Mons. Cono ci invita a fare i conti con le disponibilità che abbiamo nel gruppo, senza voler fare ciò che non riusciamo a fare; quindi consiglia di puntare più su qualche momento di aggregazione per far conoscere meglio l'Azione Cattolica, magari un momento celebrativo e poi invitare la comunità a partecipare a un momento assembleare pomeridiano.

Intanto si propone di riprendere gli incontri di formazione da lunedì 10 settembre alle ore 18. In questo primo incontro fare una verifica nel gruppo per capire quali difficoltà ci sono e verso dove orientare il nostro nuovo anno associativo.

Non si esclude la volontà di proporre dei pellegrinaggi anche brevi per uscire un po' dalla routine e ricompattare il gruppo. Con l'auspicio che tutto ciò che il cuore suscita, si possa realizzare, nella volontà sempre di servire il Signore nella comunità, il consiglio si è concluso alle ore 11,30.

7 MAGGIO 2018 - Verbale del Consiglio di Azione Cattolica 

Il giorno 07 Maggio 2018 alle ore 17 si è riunito, nei locali parrocchiali, il Consiglio di Azione Cattolica per una sintesi su ciò che si sta vivendo come gruppo adulti di AC e per alcune proposte per il prossimo futuro. Erano presenti: Mons. Cono Araugio assistente parrocchiale e nostro parroco, la Presidente Irma Di Gregorio, la vicepresidente adulti Giulietta Conforti e la sottoscritta segretaria Carmela Sforza.

La Presidente Irma prendendo la parola, comunica a Mons. Cono la volontà del gruppo di vivere una giornata al Mercurion. Mons. Cono però ci mette al corrente che lì esiste solo una chiesetta, senza nessun servizio, quindi viene abbandonata l'idea, piuttosto si concorda a voler realizzare questa giornata, magari a giugno come chiusura di questo tempo " ordinario della vita pastorale e in preparazione agli impegni estivi".

Irma, ancora, propone l'idea di poter ricostituire nella nostra parrocchia l'azione cattolica ragazzi (ACR), Mons. Cono si dice disposto a proporre facendo scegliere, eventualmente, ai ragazzi stessi, ma sottolinea anche i limiti propositivi dell'AC Adulti, per cui la domanda è spontanea: con quali risorse? Bisognerebbe avere degli educatori più giovani, che potessero dedicarsi a questo servizio, ma se vogliamo guardare alla realtà del nostro gruppo adulti non ci sono possibilità. Resta sempre la volontà di poter coinvolgere altre persone che possano dedicarsi all'azione educativa ACR. Nel nostro gruppo adulti abbiamo un simpatizzante: Enrico, che è bravo nel gioco degli scacchi, quindi Irma, fa presente questa cosa e tutti concordiamo per voler proporre, un torneo di scacchi o semplicemente, conoscere questo gioco, ai ragazzi e giovani. Ancora Mons. Cono ci invita a pensare qualcosa da proporre per l'estate e si dice soddisfatto del servizio che l'Azione Cattolica svolge nella parrocchia, che, forse, va oltre le aspettative.

Un accenno viene fatto alla " giornata della legalità" che avrà il suo primo esordio il 27 maggio, e che è nata dalla volontà dell'Azione Cattolica insieme ad altre aggregazioni presenti sul territorio; Mons. Cono precisa che lo scopo è quello di coinvolgere la città di Scalea, far maturare la comprensione dei bisogni e promuovere un' attenzione a tutto ciò che ci circonda nella legalità.

Con la speranza che tutto si possa realizzare per il bene comune e per dar lode al Signore, il Consiglio si è sciolto alle ore 17,45.

                                                                                                                                                                                                        la Segretaria Carmela Sforza

Verbale di Azione Cattolica 

    Il giorno 26 del mese di gennaio 2018 alle ore 10,45 si è riunito, negli spazi parrocchiali, il Consiglio di Azione Cattolica. Erano presenti l'Assistente  Mons. Cono Araugio, la Presidente Irma Di Gregorio, la Responsabile settore adulti Giulietta Conforti e la segretaria Carmela Sforza. Dopo una breve preghiera introduttiva, prendendo la parola Mons. Cono ha delineato un po' l'andamento del nostro gruppo adulti di Azione Cattolica in parrocchia. Questo gruppo, anche se non molto numeroso, cerca di portare avanti, con buoni risultati, i vari impegni assunti: la preghiera del Vespro nell'aula liturgica è costante; la visita agli ammalati  si cura con assiduità e dedizione; l'impegno nella Caritas parrocchiale; gli incontri di formazione .

    Tutto concorre alla crescita nella responsabilità e nell'amore verso la comunità. Si spera nella crescita numerica del gruppo e nell'affinare in filoni più particolari  l'intervento sul territorio. La Presidente Irma richiede la presenza dell'assistente nell'incontro di formazione, anche breve, per un pensiero spirituale.

    Mons. Cono ha espresso anche la sua preoccupazione, nell'ambito sociopolitico, della nostra città di Scalea in riferimento al non impegno sociale per l'edificazione di una migliore vivibilità, preoccupazione condivisa da tutti i presenti,  e cosi la Presidente  chiedeva: cosa potremmo fare noi? La risposta è stata concordata nel proporre degli incontri sul tema sociopolitico, coinvolgendo anche altri, (come ad esempio i capi scout), e intanto invitando uno dei nostri aderenti, Gianni Sodano, a partecipare ad un convegno  a Roma su questo tema, per poter appunto offrire un servizio più qualificato che parta dalla nostra realtà. Bisogna cercare di formare le coscienze anche tra noi "credenti" per poter contrastare la corruzione che dilaga nel nostro territorio.

    La Responsabile Adulti Giulietta si è detta disponibile ad ospitare il gruppo nel suo locale, per la visione di film o commenti su libri proposti dal nostro testo di Azione Cattolica. Questa proposta pur conseguendo il plauso e l'incoraggiamento degli associati, non è stata  accolta pienamente. Prima di tutto  per non dare adito a interpretazioni conflittuali, essendo il locale nell'altra parrocchia, in secondo luogo perché deve essere l'AC  a fare la proposta educativa per gli associati. Comunque si è definito, per come è naturale, che ciascun associato è libero di partecipare alle proposte di altre  associazioni.

    La Presidente Irma ha ricordato la ricorrenza dei 150 anni della nostra associazione... è un'occasione per ripercorrere la vita dell' Azione Cattolica nella nostra parrocchia, che quest'anno celebra 40 anni dalla sua fondazione. La segretaria Carmela si preoccuperà di raccogliere notizie presso i vari Presidenti che si sono succeduti in questi anni a San Giuseppe Lavoratore.

    Dal 5 febbraio la Messa Vespertina nella nostra parrocchia sarà celebrata alle ore 18 e quindi il nostro incontro di formazione e la preghiera del vespro verranno spostati alle ore 18,30. Con la preghiera sulla speranza proposta dalla Presidente Irma, il consiglio si è concluso alle 11,30.

Verbale di Azione Cattolica

     Il giorno 06 novembre 2017 alle ore 9,15 si è riunito il Consiglio di Azione Cattolica per una breve analisi e per decidere lo svolgimento  delle attività. Erano presenti il Parroco Assistente Mons. Cono Araugio, la Presidente Irma Di Gregorio, la responsabile adulti Giulietta Conforti e la sottoscritta segretaria Carmela Sforza. Dopo la  preghiera alla Vergine Santa si è passati ad analizzare le potenzialità del nostro gruppo adulti di AC. Considerata l'età dei componenti che è tutta oltre i sessanta anni, o quasi tutta, Don Cono accetta sulla proposta dei consiglieri di dare ai nostri incontri un taglio più spirituale. Il testo che il centro Nazionale propone, forse, tratta degli argomenti che interessano più gli adulti che non gli "adultissimi".

Si è deciso di interpellare il gruppo per capire in cosa si sente carente, tenendo presente tre punti importanti:

1) Sostenere la formazione nel gruppo;

2) Vivere e proporre la preghiera del Vespro aperta a tutti;

3) Continuare il servizio agli ammalati.

    Il suggerimento proposto dall'Assistente è di curare un momento di preghiera, (che potrebbe essere la celebrazione del Vespro giornaliero o da decidere) aperto a tutti. Si può procedere così fino al mese della pace (almeno) e poi, facendo una verifica, continuare o rileggersi nella bontà della proposta formativa ed eventualmente cambiare il modo di viverla.

Con questi propositi, l'incontro si è concluso alle ore 10,15 circa, con l'impegno di ascoltare gli associati e poi decidere sul come procedere..

                                                                                                                                                                                   La Segretaria  -  Carmela Sforza

                                                                                                                                                 

 

Verbale di Azione Cattolica

Il giorno 19 di settembre 2017 alle ore 18,30; nei locali parrocchiali si è svolto il Consiglio Parrocchiale di Azione Cattolica, con il seguente o.d.g.:

1.   Programmazione anno 2017/2018

2.   visita della Madonna di Fatima

3.   organizzazione visita agli ammalati e nuove povertà

4.   adozione a distanza

5.   varie  ed eventuali                                                                                                                                   

Erano presenti: Mons. Cono Araugio, Assistente, la Presidente Irma Di Gregorio, Giulietta Conforti Vicepresidente (responsabile) adulti e la segretaria Carmela Sforza.

Mons. Cono ha introdotto sul nuovo testo: " ATTRAVERSO", ribadendo il metodo esperienziale dell' Azione Cattolica. La nostra proposta deve dare valore ai luoghi, nel mese missionario (ottobre) sarebbe opportuno incontrarsi nelle nostre case, cosi da respirare quell'aria propria della casa, la casa che deve essere abitata da Gesù! Tenendo presente la realtà in cui viviamo cercare di vitalizzare  i vari  luoghi, non dimenticando però che il luogo privilegiato è "la persona". Lasciarsi attraversare dalla presenza di Gesù, oggi, ed essere novità per la nostra comunità. Leggere il nostro impegno alla luce dei bisogni della nostra cittadina e cercare un modo per operare a favore delle povertà variegate che abitano la nostra parrocchia e la nostra Scalea. Cogliere la necessità di educarci alla partecipazione della vita sociale e civile relazionandoci tra noi e con la comunità in modo da poter essere speranza per il futuro della città. Come Azione Cattolica leggerci nel protagonismo di quanti incrociamo sulla nostra strada, in modo da essere di aiuto per gli altri nel superare le divisioni che esistono anche tra di noi.

La vicepresidente Giulietta ha reso noto al consiglio le proposte stilate in preparazione all'incontro che si terrà il 5 di ottobre 2017 con le autorità amministrative. Esse verranno presentate nell'incontro con le altre associazioni che si terrà il 24 settembre 2017 alle ore 20 nel salone parrocchiale, vagliate e poi presentate il giorno 5 ottobre.

La Presidente Irma ha comunicato:

l'impegno dell'animazione della Santa Messa delle ore 18,00 di domenica 24 settembre 2017 alla presenza della effige della Madonnina di Fatima che sarà nella nostra parrocchia, e il pellegrinaggio dell'Azione Cattolica  alla Madonna del Pettoruto che avrà luogo il 1 ottobre 2017, e che segna l'inizio del nuovo anno associativo per la nostra associazione.

I nostri incontri (che comunque non sono mai stati sospesi) continueranno nella giornata di lunedì e saranno così articolati:

ore 18,00: animazione della Messa vespertina

ore 18,30: formazione e confronto

Si ripropongono le visite e la vicinanza alle nuove povertà nella giornata di giovedì in piccoli gruppi

si continua l'adozione a distanza coinvolgendo solo gli aderenti di A.C.

Gesù ci chiede di farci attraversare dalla sua grazia, oggi, per rileggerci ed essere segno per ogni persona che attraversa la nostra vita.

" Percorrere con Gesù luoghi e incontri, nella città, nelle case, nella strade, essere coraggiosi nell'annunciarlo a tutti", è quello che il nostro gruppo di azione cattolica si propone nel prossimo anno associativo.

Il consiglio si è concluso alle ore 20,15

la Segretaria  -  Carmela Sforza

           

Relazione AC anno associativo 2016/2017

     L’anno associativo 2016/17 è iniziato nel segno del cambiamento. Il triennio statutario concluso ha richiesto lo svolgersi dell’assemblea elettiva, a seguito della quale è stato costituito un nuovo consiglio parrocchiale. Irma ha accettato nell'obbedienza la nomina a  Presidente associativo per il prossimo triennio, ma il suo affidamento alla volontà del Signore è stato completo. Il percorso formativo, che l’Azione Cattolica nazionale prepara per ogni settore/articolazione, proponeva , per il nostro settore,  “Adulti Sottosopra” radicato nel Vangelo delle Beatitudini secondo Matteo (4,23-5,12). Il gruppo ha assunto l’impegno di accogliere la richiesta di Gesù di incarnare la gioia delle beatitudini nella missione dedicandosi il lunedì alle visite agli ammalati e si è incontrato in parrocchia per la formazione il martedì, inoltre, secondo necessità, siamo stati  disponibili per il servizio alla carità ed alle necessità pastorali e liturgiche della parrocchia, soprattutto nei tempi forti dell’anno liturgico.

     Il percorso formativo è stato calato nella nostra realtà territoriale, così, per il mese della Pace, abbiamo proposto e realizzato un convegno, che coinvolgesse le tante realtà cittadine e desse visibilità alla Chiesa in uscita. “A Scalea legalità in azione” con relatore Don Ennio Stamile, delegato regionale di Libera. Il convegno si è svolto il 29 gennaio 2017 presso il  Punto Luce di Save the children, che ha sede nel  Museo del Bambino. Educare alla  legalità  era ed è un tema scottante da affrontare ma necessario, perché ognuno di noi deve assumersi la responsabilità  del proprio agire, nel  rispetto delle regole civili e sociali, a tutela  del bene comune.

     Anche durante il periodo estivo siamo riusciti a mantenere il ritmo degli incontri settimanali. Nel consiglio di Azione Cattolica, tenutosi il 24 giugno, la Presidente aveva proposto la prosecuzione del  cammino di formazione ed il parroco, ed assistente spirituale, Mons. Cono ci aveva incoraggiato nel perseverare come Chiesa in uscita.  Alcuni aderenti, impegnati nella famiglia e nel lavoro, hanno sostenuto il cammino degli altri con la preghiera, ma il resto del gruppo è stato disponibile a percorrere le strade della parrocchia facendo tappa, ogni lunedì con inizio alle ore 21:00, in uno dei quartieri del territorio parrocchiale. Solo i primi due incontri ci siamo fermati in parrocchia, dedicandoli  alla scelta dei contenuti su cui aprire il confronto con quanti si sarebbero accompagnati a noi. Seguire l’invito di Gesù ad essere “beati” essendo “poveri in spirito” ci aveva condotti a scegliere “il regno dei cieli”. Ma attualizzare questa scelta, nella vita ordinaria, poteva essere una impresa ardua se non avessimo posto orecchio a quanto Gesù aveva continuato a chiarirci nel discorso della montagna, per come lo testimonia Matteo.

     La Parola di Dio ci ha fatto subito sentire famiglia ed ha consolidato la fiducia nell’amore infinito con il quale Gesù si accompagna alla nostra vita.  E’ stato bello avvicinare tante persone della parrocchia, conoscerne il nome, la provenienza, la storia personale!  

     Emozionante, anche se per pochi di  noi, è stato l’incontro con papà Gianpietro, proposto dall’AC Diocesana e svoltosi a Belvedere Marittimo  la sera del 23 luglio. La storia di Emanuele, ragazzo che a soli sedici anni, in un momento di particolare sofferenza, si è tolto la vita, è stata raccontata con pacatezza e intensità dal papà, che ha testimoniato l’urgenza del dialogo tra genitori e figli, soprattutto nella disponibilità a donare il proprio tempo per ascoltare e condividere le problematiche adolescenziali dei propri figli.

     Tappa importante, poi,  per la nostra crescita culturale e spirituale è stata la partecipazione, con interesse e sete di conoscenza, al percorso formativo sulla Evangelizzazione, proposto come formazione per l'estate, consistente in sei incontri  e vissuto nella seconda metà di luglio. In uno degli incontri la presidente ha offerto all’attenzione dei presenti un approfondimento su “La Riforma Luterana – Cinquecento anni dopo quale dialogo è possibile.” Conoscere, per grandi linee, il come e il perché della riforma luterana e  confrontarci con la situazione attuale del dialogo ecumenico ci ha arricchiti culturalmente e ci ha consentito di mettere in luce  che “luterani e cattolici non si sentono più estranei tra loro” e che  impegno comune di noi cristiani, cattolici e luterani, è quello di “essere fedeli araldi dell’amore infinito di Dio per tutta l’umanità”.

    E' importante sottolineare che una buona componente della nostra associazione parrocchiale ha partecipato, presso la Colonia di Cetraro, al Campo diocesano di AC, nella certezza che rileggerci nell'oggi dell'associazione è parte basilare del nostro servizio educativo. Chiudiamo affermando che il culmine e il coronamento di questo primo anno della rinnovata esperienza di Azione Cattolica lo abbiamo vissuto con l’incontro settimanale con Gesù nell’Adorazione Eucaristica, perciò lodiamo e ringraziamo  il Signore per tutti i suoi doni.                                                                                

 Scalea, 5 settembre 2017

Il Consiglio di AC

                                                                                                                                                                                                                            

Casella di testo: Invito alla comunità
                   

                                                                                                                   

L’Azione Cattolica Parrocchiale continua il cammino di formazione andando incontro alla comunità, allargata ai molti fratelli e sorelle che in estate popolano il nostro territorio, e propone gli appuntamenti alle ore 21,00 da  lunedì 10 luglio

                                                                                                                                       

Vi invitiamo, pertanto,  

ad unirvi a noi, per scoprire insieme la gioia

di continuare a camminare sulla via di Gesù,

 secondo lo stile delle Beatitudini.

 

Ogni lunedì  alle ore 21:00 - presso i Locali Pastorali

 

                                                            Descrizione: C:\Users\Giulietta\Desktop\Sottosopra_cover.jpg

 

VERBALE  nr 3

    Il giorno 24 giugno 2017 alle ore 9,00 nei locali parrocchiali, si è riunito il Consiglio di Azione Cattolica, per programmare l'estate ormai imminente. Erano presenti. Mons. Cono Araugio, assistente; Irma Di Gregorio, Presidente; Giulietta Conforti, Vicepresidente ( responsabile) adulti; e la sottoscritta segretaria Carmela Sforza. La Presidente prendendo la parola ha esposto i tre punti all'ordine del giorno: Logo diocesano, Campo Diocesano, Attività estive in parrocchia.

     C'è un invito dalla Presidenza diocesana a realizzare un logo che rappresenti l' Azione Cattolica, tutte le Associazioni parrocchiali sono state invitate a realizzare dei modelli che dovranno pervenire in diocesi entro il 31 agosto, e tra tutti verrà scelto quello che rappresenterà l' associazione diocesana tutta. Anche il nostro gruppo si avvale di qualche aderente e qualche simpatizzante appassionate di simili lavori per cui si pensa di poter contribuire col nostro operato al logo diocesano.

     La Presidente comunica  la data del campo che sarà a Cetraro ( colonia San Benedetto) nei giorni 28-29-30-31 agosto, e i partecipanti x adesso sono Giulietta Conforti, responsabile adulti, la Presidente Irma Di Gregorio e uno degli associati, Mons. Cono esorta ad invitare al campo soprattutto i simpatizzanti così che possano conoscere cos'è l'Azione Cattolica.

     Si è passati poi al terzo punto:  pensare alle attività estive da tenere in parrocchia nei mesi di luglio e agosto. Dopo diverse proposte si è convenuto che è bene continuare gli incontri sul testo magari snellendolo un pò, riproponendo il brano biblico di ogni sezione e  la canzone, e su questo aprire il confronto con chiunque vorrà accompagnarsi al nostro gruppo che sarà aperto a tutti, questi incontri si terranno alle ore 21 e nella serata di mercoledì. Oltre a questo, poichè Mons. Cono farà una tre giorni sulla Evangelizzazione, dopo la metà di luglio ha suggerito di continuare con almeno due incontri di Azione Cattolica, il primo su " ecumenismo e dialogo " , a cinquecento anni dalla riforma luterana, tenuto dalla presidente Irma, e il secondo sulla " Coscienza del peccato" a cura di Mons. Cono stesso. Dopo aver concordato l'opportunità di preparare un avviso da mettere in bacheca per le prossime attività, , l'incontro si è concluso alle 10,10 con una breve preghiera.

La segretaria

Carmela Sforza

 

 

     A Scalea legalità in azione – 29/01/2017 – Punto Luce c/o Museo del Bambino “La Giornata della Pace, in tutto il mondo, ebbe inizio, per volontà di Papa Paolo VI, il primo giorno dell’anno civile 1968. Da allora, il tema di inizio anno ha pervaso tutto il mese di gennaio: a distanza di cinquant’anni Papa Francesco ci ha affidati il messaggio “La non-violenza: stile di una politica per la pace.” In quest’ottica, noi adulti di Azione Cattolica, delle comunità parrocchiali di Scalea, ci siamo messi in AZIONE e l’idea di un convegno, che coinvolgesse le tante realtà cittadine, ci è sembrata una, tra le tante possibili, per dare vita alla Chiesa in uscita! Siamo persone che, pur avendo origini territoriali diverse e, per alcuni, anche molto lontane da qui, viviamo un legame affettivo e cristiano con la città e con tutti coloro che continuano, per predilezione o per necessità, a sceglierla come terra di migrazione.

    Con gli scaleoti, di antico insediamento, condividiamo la cittadinanza di un luogo incantevole dal punto di vista paesaggistico e climatico, ma tanto martoriato per le vicende politiche e amministrative, che incidono negativamente sul tessuto sociale e culturale. Così abbiamo ritenuto il tema “Educare alla legalità” attuale e necessario per la situazione del territorio, in riferimento alla costruzione di relazioni basate su giustizia e solidarietà, verità e libertà. L’evento si è tenuto nel locale dell’Ecomuseo, concesso in uso a Save the children; la relazione sul doumento CEI “Educare alla legalità” è stata presentata da don Ennio Stamile, coordinatore regionale di Libera, associazione contro le mafie; inoltre sono interventi, con due intermezzi canori per testimoniare la gioia di crescere nella legalità, alcuni ragazzi impegnati nel cammino di preparazione alla manifestazione per la pace: tutto ciò ha contributo a richiamare l’attenzione sull’evento, che è stato partecipato da un cospicuo numero di cittadini. A dare il benvenuto è stato il referente di Save the children Angelo Serio, mentre Mons. Cono Araugio, coordinatore dell’unità pastorale di Scalea, ha porto il saluto al Sindaco, al Dirigente Scolastico dell’I.C. di Scalea e a tutti gli intervenuti.

     Il relatore ha centrato il suo intervento sulla necessità che ognuno di noi si renda testimone credibile di legalità nel vivere quotidiano; in famiglia prioritariamente, nel condominio e nel quartiere, nelle relazioni con persone di culture e religioni diverse, nel rapporto con le Istituzioni pubbliche, nel rapporto con l’ambiente e il territorio. L’applicazione ed il rispetto di chiare e legittime regole di convivenza, sia riferito alle norme giuridiche che morali, costituiscono una condizione fondamentale perché vi siano libertà, giustizia e pace tra gli uomini. E’ dovere di ognuno di noi, soprattutto in qualità di cristiani impegnati, operare per far si che ragazzi e giovani facciano esperienza di relazioni fraterne, solidali e veritiere. Il nostro agire di adulti deve essere caratterizzato da atteggiamenti di accoglienza, incontro, ascolto, dialogo, anteponendo ai nostri interessi personali il bene comune, realizzato mediante solidarietà, sostegno e vicinanza per i più deboli, i poveri, i lontani, gli emarginati. La relazione di don Ennio ha suscitato, nella platea, interesse e alcuni interventi in assemblea hanno consentito di aggiungere nuove prospettive di incontro e di dialogo, che certamente troveranno nuovi tempi e spazi, nel nostro cammino associativo di Azione Cattolica.

 

VERBALE  N°2

Lunedi 19 dicembre alle ore 17,30 nei locali parrocchiali si è riunito il Consiglio Parrocchiale di Azione Cattolica per la programmazione del prossimo triennio. Erano presenti: l'Assistente Mons. Cono Araugio, la Presidente Irma Di Gregorio, la Vicepresidente ( responsabile ) adulti Giulietta Conforti e la sottoscritta segretaria Carmela Sforza. Dopo una breve preghiera la vicepresidente  consegna le varie          " cose " di segreteria alla nuova segretaria.

Prendendo la parola, la Presidente, ringrazia ancora dell'incarico conferitole, e si raccomanda di essere sostenuta con la preghiera per poter ben portare avanti il suo compito e per poter sopperire a tutte le sue mancanze (qualora ce ne fossero).

Si è passato poi a pensare a un programma per il triennio che andremo a vivere. La Presidente propone a breve ( nelle feste natalizie ), una tombolata di beneficenza che coinvolga i vari gruppi presenti in parrocchia. Mons. Cono ci invita a proseguire sulle linee che già stiamo vivendo: formazione settimanale sul testo proposto dall'Azione Cattolica Italiana, servizio alla carità, catechesi ai ragazzi, visita agli ammalati. Poi gli associati propongono un convegno sull'educare alla  legalità per il 29 gennaio 2016 alle ore 18 con relatore Don Ennio Stamile, delegato regionale di Libera.

Con la gioia e l'entusiasmo di un nuovo miglior inizio per l'Azione Cattolica parrocchiale il consiglio si è concluso alle 18.45.



 

                                                                                                                                                                                                                                                             La Segretaria

                                                                                                                                                                                                                                                           Carmela Sforza


 

Verbale del consiglio N° 1

Mercoledì  07 dicembre 2016 alle 9,30 si è riunito il 1° Consiglio di Azione Cattolica proclamato nell'assemblea elettiva del giorno 05 dicembre 2016.

Erano presenti: Irma Di Gregorio. Giulietta Conforti e Carmela Sforza.

Dopo una breve preghiera, si è deciso che essendo un numero ridotto, non era necessario votare, ma di comune accordo avremmo deciso per i nuovi incarichi. Carmela Sforza prendendo la parola, come presidente uscente,  si è detta favorevole a designare Irma Di Gregorio  come nuova Presidente e Giulietta Conforti come vice presidente ( responsabile ) adulti,e la sottoscritta come segretaria.  Anche Giulietta, che ha accettato con gioia il suo incarico, è stata d'accordo a che Irma Di Gregorio fosse la nuova Presidente. Irma era molto emozionata e ha espresso le sue perplessità per questo ruolo, l'arrivo di Mons. Cono intorno alle ore !0 è stato provvidenziale.....anche lui, come già avevamo fatto noi, ha cercato di incoraggiare Irma ad affidarsi al Signore, sapendo che è Lui che guida la storia, e noi non dobbiamo fare altro che renderci disponibili alla sua volontà. Così Irma con gioia e trepidazione ha accettato l'incarico.

Dopo un sincero abbraccio fraterno, per le nuove scelte, si è proceduto a preparare l'animazione della Santa Messa dell' adesione nel giorno dell'Immacolata. Con un saluto e un augurio per un buon cammino il consiglio si è concluso alle ore 11.

 

                                                                                                                                                                                                                                                            La segretaria

                                                                                                                                                                                                                                                           Carmela Sforza

 

RELAZIONE DEL TRIENNIO 2013/2016

Carissime,

                         siamo giunte ad una nuova assemblea elettiva, nuovi orizzonti si delineano per il nostro gruppo adulti di Azione Cattolica. Questo triennio appena trascorso è stato caratterizzato dalla nostra partecipazione alla formazione in unione al gruppo adulti di Azione Cattolica della Parrocchia di San Nicola in Plateis. E' stata una esperienza molto positiva, abbiamo avuto modo di conoscere e confrontarci con fratelli e sorelle che condividono il nostro stesso cammino. I nostri incontri sono stati sempre guidati dal nostro assistente unitario Don Giacomo Benvenuto a cui va il mio ringraziamento e quello di tutto il gruppo che, con tenacia, ha seguito il proprio cammino di formazione. Don Giacomo è stato una valida guida per approfondire, migliorare e attuare gli insegnamenti che ci venivano proposti anno dopo anno nel testo guida " proprio " dell'Azione Cattolica. Ha saputo sempre attualizzare e calare nella nostra realtà ciò che l'Azione Cattolica Nazionale proponeva, rendendo tutto semplice e alla portata di tutti. Purtroppo alcuni dei nostri associati hanno lasciato il gruppo per motivi di trasferimento ( pensiamo ad Anna Bevacqua), altri per motivi di salute o di disponibilità, da dover impiegare in altri impegni familiari, così per noi che ci siamo, oggi si apre un tempo nuovo, siamo ritornati a fare formazione nella nostra parrocchia di San Giuseppe Lavoratore, il nostro parroco assistente Mons. Cono ci segue spiritualmente, con il suo carisma,  e noi  siamo molto contenti e gliene siamo grati.

Per il prossimo triennio l'Azione Cattolica si impegna a:

·         Promuovere l'associazione e  coinvolgere nuove persone nel cammino formativo;

·         coltivare la propria vita spirituale con la preghiera Personale e comunitaria;

·         partecipare agli incontri di formazione settimanali;

·         visitare i bisognosi di affetto e di vicinanza in un giorno diverso dal giorno stabilito per la formazione;

·         conoscere meglio le associazioni e aggregazioni  presenti nel nostro territorio.

Il mio augurio è che il nuovo consiglio sappia valorizzare e incoraggiare la crescita della nostra associazione, affinchè  possa  essere  testimone dell'amore che ci viene da Dio e sappia rendere presente l'opera che il Signore va realizzando attraverso ognuno di noi.

Buon assemblea elettiva e buon cammino

 

 

                                                                                                                                                                                                                              La Presidente Parrocchiale uscente

                                                                                                                                                                                                                                             Carmela Sforza

 

 

Verbale del Consiglio parrocchiale di Azione Cattolica 27 Maggio 2014

  Oggi 27 maggio 2014, alle ore 20:00, si riunisce nella sacrestia della chiesa San Giuseppe Lavoratore, il consiglio parrocchiale di AC, in via straordinaria. Sono presenti, oltre all' Assistente spirituale Mons. Cono Araugio, la presidente Carmela Sforza, la vicepresidente Anna Bevacqua, la consigliera Anna Maradei, la segretaria Tiziana Ciancio, invece sono assenti l'amministratore Giulietta Conforti e la consigliera Giusy Pasquino.

      Si è voluto questo consiglio straordinario per chiarire ulteriormente il modo di essere AC nella nostra parrocchia, cosa che a tutt'oggi evidenzia la mancata comprensione della nuova fase che l'associazione deve vivere  all'interno della nostra Unità pastorale. Per cui si è ancora una volta ribadito che l'Associazione per le attività formative fa capo all'Assistente unitario Don Giacomo Benvenuto in piena comunione con gli associati della parrocchia di San Nicola in Plateis. Per quanto concerne il servizio che alcuni associati offrono per l'evangelizzazione della parrocchia, devono leggersi all'interno della impostazione pastorale che la stessa va organizzando e conseguente all'interne degli ambiti della Catechesi come catechisti delle varie fasce e partecipando agli incontri di formazione specifici, della Liturgia con l'animazione del canto e della preparazione alla celebrazione festiva Pro Populo Dei e della Carità con le visite alle persone sole e il sostegno ai bisognosi.

     Su questo punto prende la parola la presidente, Carmela Sforza per chiarire il perché gli associati stentano a comprendersi in questa nuova dinamica formativa e di servizio. Don Cono sottolinea che non è necessario aumentare gli incontri che sono già molti e ai quali gli associati partecipano poco, ma che il giorno per imparare i canti e preparare la liturgia della Domenica è ogni venerdì sera, per tutti coloro che pensano di poter offrire questo servizio per la crescita della comunità parrocchiale.

     Ciò  che si vuole sottolineare e ribadire, ancora una volta, da parte dell' Assistente spirituale è il lavorare insieme come parrocchie per cercare di unificare le forze disponibili presenti nelle tre parrocchia che sono a Scalea, questo aspetto non è riferito solo all'Azione Cattolica  ma anche alle altre esperienze ecclesiali che molto spesso vivono da parcheggiati all'interno della parrocchia, per questo motivo si va cercando di animare anche per la Catechesi e la Carità.

     Per cui precisa ancora una volta che, in questa fase l'AC parrocchiale di San Giuseppe Lavoratore deve impegnarsi a lavorare insieme all' AC della parrocchia San Nicola in Plateis per quanto riguarda  la formazione e che in parrocchia potranno viversi altri momenti formativi, qualora se ne avverta l'esigenza per il bene della comunità parrocchiale. Don Cono incoraggia ancora, come ha fatto e fa sempre, ad essere attenti alle necessità dei poveri, bisognosi, ammalati, persone sole andando non tutto il gruppo di adulti dalla stessa  persona, che può anche generare imbarazzo per chi deve accogliere, ma costituire dei gruppi di due/tre persone che operino in sinergia con quelli della Caritas e i Ministri Straordinari della Comunione.

     Quello che don Cono lamenta, con dispiacere, è che la comprensione dell'essere parrocchia non esiste molto anche in coloro che la animano e auspica, una stabilizzazione di persone che diventino lentamente le strutture portanti della parrocchia, anche per un miglior coordinamento della stessa, di tutta a comunità e non dei soliti noti che oltretutto non sempre hanno a cuore la comunità ma solo se stessi. Per questo motivo, per una valorizzazione delle forze che la parrocchia esprime chiede di mortificare tutti i  particolarismi e tutte quelle iniziative che sono orientate a distrarre dall'impegno di costruire la vita pastorale attorno alla parrocchia, cosa che purtroppo si è fatto per anni e i cui risultati deleteri sono sotto gli occhi di tutti.   Da tutto ciò deriva che l'AC, nei componenti che vogliono cooperare a queste finalità, è chiamata a costruire la vita cristiana della parrocchia nella formazione e nel servizio all' evangelizzazione.

Il Consiglio termina alle 20:45.

 

La segretaria

Tiziana Ciancio

VERBALE DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA del 6 Maggio 2014

     Oggi, 6 maggio 2014, alle ore 20.30 presso la sacrestia della chiesa parrocchiale San Giuseppe Lavoratore, si è riunito il consiglio parrocchiale di Azione Cattolica alla presenza dell' Assistente Spirituale, Mons. Cono Araugio. Sono presenti la presidente Carmela Sforza, la responsabile del settore adulti Anna Bevacqua, l'amministrastore Giulietta Conforti, i seguenti consiglieri Giusy Pasquino e Anna Maradei, la segretaria Tiziana Ciancio. Vengono discussi i seguenti punti all' ordine del giorno:

. Momento di preghiera

. Uscite per il mese in corso

. Dolci di AC come sostegno alle persone bisognose della nostra parrocchia

. Varie ed eventuali.

L'incontro inizia con un momento di preghiera vissuto in intimità davanti al tabernacolo, accompagnato dal canto "Tu con noi sempre  sarai " e guidato da Mons. Cono Araugio.

     Il consiglio prosegue nella sacrestia dove prende la parola l'assistente spirituale per fare una verifica, attraverso uno scambio di esperienze, circa l'andare con gioia nelle periferie esistenziali della nostra parrocchia e nello specifico, la visita ai fratelli e alle sorelle anziani che vivono in solitudine o che sono ammalati. Da quanto ascoltato, viene fuori che queste sono esperienze che arricchiscono vicendevolmente, dove si tocca con mano un certo  analfabetismo affettivo, la sofferenza fisica ma anche economica, dove si vive, come avverte don Cono nel visitare le famiglie, un certo degrado spirituale e regna una mentalità molto labile. In questo senso, occorre unire le forze per una pastorale che sia attenta a tutta Scalea e pertanto è necessario che le tre parrocchie lavorino insieme e con uniformità. Don Cono, come sempre, esorta il settore adulti di AC parrocchiale a farsì che queste esperienze non siano sporadiche ed occasionali ma, con perseveranza, permanenti per assicurare alla Comunità, in questo delicato ambito della pastorale che è la Carità, continuità e stabilità. Mons. Cono Araugio fa prendere coscienza,ancora una volta, che la frontiera della Carità  è molto più  estesa per cui c'è bisogno di persone che prendano a cuore questo ambito e spendano il loro tempo con impegno.

     A questo punto prende la parola, la presidente dell' AC parrocchiale Carmela Sforza che propone, per il mese di Maggio, la recita del Santo Rosario nei quartieri ma don Cono fa notare che certe attività  vanno organizzate per tempo e bene, inoltre incoraggia nel continuare la visita agli ammalati e alle persone sole (non solo anziani ma anche adolescenti). La presidente ripropone lo stand dei dolci, programmato per Domenica 18 Maggio, a sostegno delle persone bisognose della parrocchia e nel giorno settimanale in cui ci si incontra (ogni mercoledì) donare alimenti per i poveri della parrocchia come gruppo di AC. Don Cono mette a conoscenza il consiglio che la parrocchia serve circa 170 famiglie con gli alimenti tra quelli del banco alimentare e i doni che i gruppi di catechesi portano per l'offertorio e annuncia che, probabilmente, il Banco Alimentare non fornirà  più  le Caritas parrocchiali. Mons. Cono Araugio, dopo aver esortato ed incoraggiato ancora una volta il consiglio nel continuare nell' opera di evangelizzazione verso le periferie esistenziali della parrocchia e a svolgerla con perseveranza, scioglie la seduta alle ore 21.45.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     La segretaria

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Tiziana Ciancio 

Foto

 

“Dalla nostra fede in Cristo fattosi povero, e sempre vicino ai poveri e agli esclusi,

deriva la preoccupazione per lo sviluppo integrale dei più abbandonati della società” (EG 186).

 

VERBALE DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA  18 marzo 2014

Oggi 18 marzo 2014 nei locali pastorali della parrocchia, alle ore 17,00 si riunisce il consiglio parrocchiale di A. C.

Sono presenti l’ Assistente Spirituale e parroco Mons. Cono Araugio, Carmela SFORZA Presidente, Giulietta CONFORTI economa, Giusy PASQUINO e Anna MARADEI componenti del consiglio. Verbalizza Giulietta Conforti.

Dopo la  preghiera iniziale espressa con il canto, a lode e gloria del Signore, l’ Assistente don Cono prende la parola per chiarire, nella giusta sede, il senso del suo invito a percorrere il cammino di formazione e di servizio alla comunità tutta della nostra cittadina, in comunione con l’A.C. della vicina parrocchia di S. Nicola di Platea, affidata alla guida spirituale di don Giacomo Benvenuto, che è anche Assistente Unitario diocesano. Evidenzia che la dimensione della comunione foraniale era già stata sollecitata dall’atto normativo diocesano, là dove si auspicava la designazione di un delegato per Forania che prendesse parte attiva al Consiglio diocesano di A. C. Puntualizza poi che  il Santuario della Madonna del Lauro, dove le due realtà associative si incontrano, essendo santuario diocesano,  è segno della dimensione del servizio alla Chiesa diocesana, anche in virtù del fatto che  due delle  aderenti del settore adulti sono state chiamate a far parte del Consiglio Diocesano. Infine auspica una migliore e più efficace crescita spirituale ed il recupero del carisma missionario dell’Azione Cattolica caratterizzato da generosità, accoglienza e solidarietà.   

Chiede la parola la Presidente per chiarire che una sola persona è stata inserita nel consiglio Diocesano, in quanto prima dei non eletti con precedenza per anzianità, ed informa anche che la persona in questione ha manifestato la sua disponibilità a lasciare il servizio in Diocesi, se necessario, ma don Cono fa capire che non ce n’è bisogno.

L’economa interviene per chiarire che, dal punto di vista amministrativo e finanziario le due realtà parrocchiali di A. C. mantengono ognuna la propria autonomia.

L’Assistente don Cono riprende la parola per ribadire che non è importante parlare molto, è importante pregare molto, è importante fare silenzio interiore ed esteriore, per ascoltare il Signore che vuole comunicarci la sua volontà, le attese che ha su di noi. E a noi laici di A. C. è richiesta la disponibilità al servizio umile e sincero come via privilegiata per camminare come Gesù ci chiede, facendo esercizio di virtù e di dedizione nella piccola chiesa domestica che è la famiglia, perché la pace, la comunione, il servizio possano diventare il modo cristiano di vivere le relazioni nella comunità. Ci esorta, infine, a non dimenticare che i responsabili della vita associativa siamo noi laici mentre il sacerdote è colui che sostiene e cura la crescita spirituale.

Con la preghiera finale ci affidiamo  alla protezione materna e amorevole di Maria, Madonna del Lauro, perché sia sostegno e guida ai nostri passi.

Il Consiglio termina alle ore 18:00

 

VERBALE DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA  26 Febbraio 2014

  Oggi 26 febbraio, nei locali pastorali della parrocchia, alle ore 17:00, si riunisce il Consiglio parrocchiale di AC, alla presenza dell’Assistente Spirituale e parroco Mons. Cono Araugio. Sono presenti: Carmela SFORZA, Presidente, Anna BEVACQUA, responsabile settore Adulti, Giusy PASQUINO, Giulietta CONFORTI, Economa, Tiziana CIANCIO, segretaria e Anna MARADEI, consigliere.

  L’incontro si è aperto con la preghiera iniziale e il pensiero spirituale di mons. Cono Araugio assistente, sul messaggio della Quaresima 2014 del Santo Padre FRANCESCO.  Al termine della preghiera don Cono, prendendo spunto dal messaggio di Papa Francesco, esorta i presenti e l’AC parrocchiale tutta ad aprire gli occhi sulla povertà e sulle miserie (materiali, morali e spirituali) in cui vivono tanti fratelli di Scalea ma soprattutto della nostra parrocchia e che, pertanto, occorre guardare quest’ultima in maniera nuova sforzandoci di testimoniare con la nostra vita quanto il Signore chiede di fare. L’AC deve leggersi non nella sedentarietà ma nella logica di quanto il Santo Padre, dall’inizio del suo pontificato, ci esorta a fare che è quello di relazionarsi nella disponibilità di andare incontro all’altro. Per fare ciò, occorre mettere al centro l’essere e dare un significato per restituire all’AC il proprio carisma.

Nel continuare l’incontro, in risposta a quanto sopra detto, l’Assistente spirituale avverte l’esigenza di comunicare al Consiglio la necessità di continuare gli incontri di formazione in modo unitario con l’AC della parrocchia San Nicola in Plateis perché soltanto unendo le forze, con l’aiuto del Signore e la forza dello Spirito Santo che guida la Chiesa e lavorando in sinergia, possiamo raggiungere tutte le periferie esistenziali di Scalea per testimoniare la presenza del Signore e per rendere la Chiesa vicina alle persone. Terminato questo punto, don Cono  chiarisce, inoltre, i diversi servizi che, in AC, si assumono e cioè che il presidente deve essere Presidente di AC con i compiti che, a norma dello Statuto, gli vengono affidati e il vicepresidente deve curare solo la formazione degli adulti. L’altro aspetto che don Cono sottolinea e che incoraggia a continuare è il testimoniare Gesù Cristo con gioia da parte dell’AC parrocchiale settore adulti.  

  Dopo la preghiera finale, il Consiglio termina alle ore 17:45.

 

 

Adesione AC 31 gennaio 2014

     Carissimi, anche quest’anno, noi aderenti di Azione Cattolica di San Giuseppe Lavoratore, vogliamo con gioia, rinnovare oggi, la nostra adesione a questa Associazione.

     Come ogni anno, il cammino proposto dall’Azione Cattolica Nazionale, è ispirato ad un’icona evangelica. Quest’anno è dell’evangelista Matteo (anno liturgico A) Il brano è la parabola dell’invito alle nozze, e la frase chiave è: “Quelli che troverete, chiamateli”. Esso ci rivela la probabilità di non essere degni di partecipare alla festa, di non essere pronti a fare festa con il Signore, immersi e ripiegati, sui problemi e sulle storie della nostra vita quotidiana. Il re, ricevendo il rifiuto, non si perde di animo e non si scoraggia, invia i servi ad ogni angolo di strada per invitare chiunque. Le parole del re ai servi, oggi vogliamo sentirle rivolte a noi, a noi, gruppo di Azione Cattolica di San Giuseppe Lavoratore. L’invito è innanzitutto ad andare, a non aspettare, solo, che le persone si accostino, che vengano in parrocchia o in associazione.

     Le persone amano farsi cercare e incontrare lì dove vivono, soffrono e lottano, con i vari problemi, che la vita gli chiede di affrontare. Rispondere alla chiamata in Azione Cattolica ed aderirvi, non è solo possedere un pezzo di carta, la cosiddetta “tessera”, ma significa aderire ad una persona, che è Cristo Gesù e incarnare con la propria vita, quel percorso che Lui è venuto a tracciare.

     L’Azione Cattolica quest’anno, vive l’anno della missione; in linea con quanto Papa Francesco va ripetendo, di preferire le periferie, di andare verso…, di camminare con le persone e farsi carico (per quanto è possibile) , delle loro problematiche! Anche noi, vogliamo spenderci di più nelle relazioni, prima che nelle riunioni, vogliamo andare, non solo invitare, e far sentire il calore della nostra comunità e la bellezza di seguire Gesù.

      E allora…….: “Avanti, con coraggio”, come ci esorta Papa Francesco, e “ quelli che troveremo….chiamiamoli”. Buon cammino a tutti!

 

Calendario di AC

  (Mese di Febbraio 2014)

*   05/02/2014: incontro formativo sul cammino associativo come proposto dalla guida  “PER-DONO”.

*   12 e 19/02/2014: l’AC incontra le periferie esistenziali del territorio.

*   26/02/2014: l’AC visita gli ammalati.

                                                                                                                                                                       

VERBALE DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA 14 gennaio 2014

Oggi 14 gennaio 2014 nei locali pastorali della parrocchia, alle ore 17:00 si riunisce il consiglio parrocchiale di A. C. per discutere i seguenti punti all’o.d.g.:

1)      Definizione della  data per l’adesione

2)      Programmazione delle attività

3)      Comunicazione degli incontri foraniali di formazione

Sono presenti l’ Assistente Spirituale e parroco Mons. Cono Araugio, Carmela SFORZA Presidente, Anna BEVACQUA responsabile settore Adulti, Giulietta CONFORTI economa, Giusy PASQUINO e Anna MARADEI componenti del consiglio. Verbalizza Giulietta Conforti.

Dopo la preghiera iniziale ed un breve riflessione dell’assistente, si passa a deliberare il primo punto e don Cono propone di celebrare l’adesione, per l’anno associativo 2013/2014, in forma di veglia di preghiera infrasettimanale. Viene pertanto stabilito di viverla mercoledì 29 gennaio p.v. con inizio alle ore 15.30 con la preghiera dell’ora media e meditazione guidata dall’assistente, poi pausa di silenzio, recita del S. Rosario e celebrazione eucaristica con adesione. Viene proposto di realizzare un volantino per invitare la comunità alla partecipazione.

Anche per quanto riguarda il secondo punto, don Cono ci esorta a incarnare la nostra identità di laici di  Azione cattolica al servizio della propria comunità parrocchiale,  pertanto non dobbiamo fossilizzarci come gruppo chiuso negli ambienti pastorali, ma incarnare la gioia dell’annuncio evangelico  per  visitare e conoscere le periferie della parrocchia e incontrare le povertà, le ristrettezze che molte famiglie vivono.  Il testo di formazione, che il centro nazione consiglia annualmente come cammino associativo ,  va letto e approfondito in riferimento alla realtà territoriale che noi  sperimentiamo e in cui operiamo,  per guardare avanti e comunicare speranza, condividere gioia,  infondere serenità ,  donare sostegno alle relazioni. Si decide così  di organizzare mensilmente gli incontri e si stabilisce, per il mese di febbraio,  di dedicare il primo mercoledì  alla formazione in sede, il secondo e terzo mercoledì agli incontri con le realtà familiari del territorio e l’ultimo mercoledì  alle visite agli ammalati da effettuare  divisi in gruppetti di 2/3 persone. A questo proposito Anna Maradei propone di contattare i servizi di volontariato che operano a livello locale in ambito parrocchiale per  avere i recapiti di persone malate, anziane, sole. Anna Bellini riferisce dell’invito della sig. Teresa a  recarci presso la sua abitazione per un momento di preghiera davanti al presepe da lei allestito in modo artigianale.

 Infine la presidente informa che l’AC diocesana ha programmato degli incontri di formazione, a livello foraniale,  per gli aderenti adulti:  il 23 gennaio  “Unità d’intenti e ispirazione ideale”, il  20 febbraio “Perché Cristo sia formato in voi” e  il 20 marzo  “Percorsi di santità”. Gli incontri si terranno alle ore 18.30 presso le sezioni della  Scuola Teologica.

Dopo la preghiera finale, il Consiglio termina alle ore 18:00

                                                                                                                                                                                                                                                      

Scalea il 20 ottobre 2013

Carissimo/a…………………………………….

     Il nuovo anno associativo 2013-2014 coincide con lo scadere del triennio che ci ha visti impegnati, ognuno nel proprio ruolo: di associato, di responsabile, di animatore ecc…. ed è quindi l’anno delle assemblee elettive: parrocchiali, diocesane e nazionali! E’ una nuova occasione per riaffermare il nostro senso di responsabilità e la nostra disponibilità al servizio  nella propria realtà parrocchiale.

Vivremo questo evento, nella nostra parrocchia il giorno 06 novembre 2013, a cui sei invitato/a a partecipare.

Ore 18,00     Partecipazione e animazione della Santa Messa

                    Relazione del Presidente sul triennio trascorso

                    Intervento del rappresentante il consiglio diocesano

                    Dibattito in Assemblea

                    Votazione

                    Frugale agàpe  a cura dei partecipanti

                    Scrutinio delle schede

                    Proclamazione del nuovo consiglio

Certa della tua presenza a questo importante appuntamento, ti saluto nel Signore.   

                                                                                                                                                                                         La Presidente Parrocchiale     

                                                                                                                                                                                              Sig.ra Carmela Sforza

 

                                   

ELENCO DEGLI ADERENTI DI AZIONE CATTOLICA CON DIRITTO AL VOTO E VOTABILI

    ARNONE ASSUNTA, BEVACQUA ANNA, CHIAPPETTA MILVA, CIANCIO TIZIANA, CONFORTI GIULIETTA, DE LUCA MARIA, DI GREGORIO IRMA, GERMANO VINCENZINA, GRECO AGATA, GUIDA MARIA, CIRIMELE GIUSEPPINA, IELPA SALVATORE,  MARADEI ANNA, MARATEA ANNA MARIA, NACCARATO BARBARA, PASQUINO GIUSY, PERRI VALENTINA,  RITROVATO SILVANA, SFORZA CARMELA, TROTTA ANTONIETTA, TROTTA STELLA


 

 

VERBALE DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA

Scalea Giovedì 16 ottobre 2013

     Giovedì 16 u.s., nei locali pastorali della parrocchia, si è tenuto il Consiglio Parrocchiale di Azione Cattolica. Sono presenti: la Presidente Parrocchiale, Carmela SFORZA, la Responsabile del settore ACR, Giusy PASQUINO, l’Economa, Anna BEVACQUA, la responsabile del settore Adulti, Tiziana CIANCIO che, in questo Consiglio fa da segretaria. L’incontro si è aperto con la celebrazione dei Vespri e il pensiero spirituale da parte dell’assistente Mons. Cono Araugio sul brano tratto dalla Prima Lettera di San Giovanni Apostolo. Al termine della celebrazione dei Vespri ha preso la parola la presidente, Carmela Sforza che ha comunicato l’esperienza vissuta alla giornata diocesana dell’AC, il 6 ottobre 2013, presso il Santuario della Madonna Incoronata del Pettoruto (San Sosti). La presidente ha introdotto l’argomento spiegando che, a causa delle condizioni meteorologiche, non è stato possibile fare la Via Crucis come prevista da programma, quindi la giornata è proseguita con la supplica alla Madonna di Pompei a cui è seguita la S. Messa presieduta da Sua Ecc. Mons. Leonardo Bonanno e concelebrata dagli assistenti spirituali dei settori: adulti e ACR, don Fabrizio Ammenda e don Mario Barbiero, dal rettore del Santuario don Ciro Favaro. La Santa Messa è stata animata dal coro della cattedrale di San Marco Argentano.

     Al termine della Santa Messa, i convenuti si sono poi spostati nei locali per consumare il pranzo a sacco. Nel primo pomeriggio ci si è spostati nella cappella del SS.mo Sacramento dove ha avuto inizio la lectio sul brano dell’anno: "QUELLI CHE TROVERETE, CHIAMATELI" (Mt 22,1 – 14), come previsto da programma. La lectio è stata animata dall’assistente spirituale del settore adulti, don Fabrizio Ammenda, alla presenza dell’assistente unitario Don Giacomo Benvenuto e dell’assistente dei giovani don Francesco Lauria. Don Fabrizio ha introdotto alla lectio, cammino di perfezione spirituale, con uno schema da lui preparato. Lo schema è stato così suddiviso: Invocazione, Lettura, Riflessione, Meditazione, Azione e Ringraziamento. Al termine della lectio, ci si è divisi per settori onde poter dare, da parte dei responsabili diocesani, degli avvisi riguardanti gli appuntamenti dell’Anno Associativo 2013/2014. Circa il settore degli adulti, la Presidente diocesana Angela Maria Marsiglia ha sottolineato che questo che vivremo è l’Anno della Missione per essere in sintonia con la Diocesi – riporto di seguito i punti da lei trattati: ha fatto presente della poca partecipazione agli incontri formativi promossi dell’AC diocesana; ha esortato a conformarsi a Cristo per portarlo agli altri; non occorrono molte attività ma educare le coscienze e a vivere la parrocchia non solo come gruppo di AC ma aprirsi agli altri; le AC parrocchiali devono avere uno stretto rapporto con l’AC diocesana partecipando alle proposte.

     Questo è l’anno in cui si rinnovano le cariche per cui il 3 novembre 2013, alle ore 16,00 ci saranno due incontri: uno nella zona interna e uno nella zona marina in cui verranno date le indicazioni per le assemblee elettive, in questa data i presidenti parrocchiali comunicheranno le date in cui avverranno le assemblee elettive parrocchiali. La Presidente diocesana, nel continuare le comunicazioni dovute, ha detto che dalla poca formazione dipendono i mali "sofferti" nell’Associazione. E’ il Consiglio Parrocchiale di Azione Cattolica che dà vita all’AC e deve essere informato del Presidente che come un padre e una madre cerca di tenere unita la famiglia; è necessario lavorare insieme anche come Unità Pastorale; l’AC è il braccio della Chiesa e come tale, noi aderenti dobbiamo sposare il programma della Chiesa, tutto deve essere deciso in CP di AC perché è in questo luogo che si programma e si decide il cammino.

     Per quanto riguarda le quote dell’adesione, tutto resta invariato, occorre accogliere i simpatizzanti perché molti non aderiscono per paura di dover assumere delle responsabilità; inoltre, la Presidente diocesana ha incoraggiato alla partecipazione ai ritiri foraniali per riservati al settore adulti; ha poi ricordato che una volta rinnovati i CP di AC tra novembre e dicembre, questi ultimi parteciperanno all’Assemblea Elettiva Diocesana; sarà aperta una scuola di formazione sui testimoni di AC ma su questo arriveranno le comunicazioni. Per quanto riguarda la festa della Pace, sarà il 12 Gennaio 2014 e si svolgerà per la Forania di Scalea, a Praia a Mare presso la parrocchia Gesù Cristo Salvatore. L’ultimo punto da lei sottolineato riguarda l’incontro programmato per il 6 luglio p.v. con i consigli parrocchiali e quelli diocesani e poi che gli aderenti di AC sono catechisti a tutti gli effetti e che l’ACR è un cammino per i Sacramenti. L’incontro si concluso, dopo la distribuzione del materiale da portare nelle parrocchie, con l’esortazione dell’Assistente Unitario Don Giacomo Benvenuto che ha detto: "Cerchiamo di vivere ciò che l’Azione Cattolica ci chiede nelle nostre parrocchie".

      Terminate le comunicazioni da parte della presidente parrocchiale, Carmela Sforza, ha preso la parola la responsabile parrocchiale dell’ACR la quale ha illustrato un po’ quelle che saranno gli appuntamenti che l’ACR vivrà quest’anno, il primo dei quali sarà Domenica 10 Novembre presso la Colonia San Benedetto di Cetraro Marina e che avrà come tema GIORNATA CON I RESPONSABILI ACR PARROCCHIALI ED EQUIPE ACR DIOCESANA. La giornata sarà vissuta dalla mattina. Giusy Pasquino ha poi delucidato i componenti il CP di AC circa un concorso Fotografico dal titolo "ScattACI "FAI VEDERE QUANT’E’ BELLO!!!" unitamente a quello canoro. Dopo le comunicazioni riguardanti l’AC Diocesana, si è passati a parlare dell’AC Parrocchiale con il primo punto il secondo punto all’o.d.g: Assemblea Elettiva Parrocchiale.

     Si è concordata per la seguente data: MERCOLEDI’ 6 NOVEMBRE DALLE ORE 18.00. Essa inizierà con la partecipazione alla Celebrazione Eucaristica di tutti gli aderenti. Alla Celebrazione seguirà l’Assemblea elettiva con votazione e si concluderà con un’agape fraterna a cura dei partecipanti. DOMENICA 10 NOVEMBRE 2013 sarà la GIORNATA DI SENSIBILIZZAZIONE DELL’AZIONE CATTOLICA PARROCCHIALE per cui la SANTA MESSA PRO POPULO sarà animata dagli aderenti di AC che prepareranno anche dei dolci per autofinanziamento. La Giornata sarà preparata VENERDI’ 8 NOVEMBRE alle ore 17,00 presso i locali pastorali della parrocchia. Per quanto riguarda l’ACR parrocchiale, si è stabilito che in base alle iscrizioni che ci saranno a metà novembre, saranno formati o in fasce oppure si formerà un gruppo misto. Il parroco Mons. Cono Araugio, prima di sciogliere il CP con la preghiera e la benedizione, ha espresso il suo compiacimento per le due attività che hanno caratterizzato l’AC parrocchiale quest’anno: la visita agli ammalati, vissuta in Quaresima e l’animazione della Santa Messa, celebrata le domeniche mattine alle ore 8,30. Il CP di AC si chiude con la preghiera alla Madre della Chiesa e la benedizione ai membri del Consiglio.

Per la segretaria del CP di AC, Antonietta TROTTA  Tiziana CIANCIO

 

Martedì 13 agosto alle ore 21,00 l'Azione Cattolica invita all'incontro con Padre Ernest per una testimonianza sulla vita di fede in Tanzania

 

     L’Azione Cattolica Parrocchiale  come proposta estiva ha deciso in sede di consiglio di proseguire i propri incontri settimanali continuando l’itinerario che il cammino dell’anno associativo 2012-2013 in corso ha ben delineato e proposto. A 50 anni dal Concilio Vaticano II, l’ Azione Cattolica ha voluto approfondire , insieme alla Chiesa tutta,  questo grande evento che ha portato tanti cambiamenti nella Chiesa. Cosi sono stati proposti dei testimoni del Concilio stesso, da conoscere! Anche noi, come parrocchia abbiamo voluto ascoltare qualcuno che avesse vissuto da vicino questo evento.

      Il giorno 23 luglio u.s. alle ore 21,00 , abbiamo avuto il piacere di ospitare il teologo Don Giovanni  Mazzillo, di Tortora , che ci ha intrattenuto su questo tema. In sua compagnia erano presenti anche Don Franco Maceri, viceparroco nella nostra Parrocchia alla  fine degli anni ’80 con l’allora Parroco  Mons. Antonio Didona, e un altro confratello, non italiano. L’incontro ha avuto inizio con una bellissima preghiera proposta da Don Giovanni stesso, e dopo un breve intervento del parroco Don Cono Araugio, che simpaticamente ha introdotto gli ospiti, e un saluto da parte della Presidente Parrocchiale di Azione Cattolica, Carmela Sforza, si è proceduti all’incontro stesso.

      Don Giovanni  ha iniziato con  una  esposizione generale della situazione della Chiesa dell’epoca, cosi da capire in quale contesto è nata l’idea del Concilio stesso, e poi con la sua capacità di essere semplice, ma molto comunicativo, ci ha narrato i vari momenti, motivi ,decisioni e anche incomprensioni che hanno determinato la stesura dei vari documenti , ma soprattutto delle  4 costituzioni, che rappresentano  la struttura portante  di tutto il Concilio. E cosi, abbiamo potuto comprendere meglio come i Padri Conciliari dell’epoca   hanno lavorato  in modo nuovo , orientando a una nuova comprensione della struttura della Chiesa che, forse, non sempre aveva rispecchiato, quella idea di Chiesa  che Gesù aveva pensato e lasciato.

     E cosi è stato messo in risalto l’importanza di sentirsi popolo di Dio tutti , non più un distacco tra la gerarchia e i fedeli, ma un unico corpo, che, con le varie membra forma la Santa Chiesa di Dio, il ruolo dei laici, l’importanza della liturgia e la chiesa nel mondo, a contatto con le realtà quotidiane. Naturalmente Don Giovanni ha raccontato anche la sua esperienza di come da giovane seminarista, qual’era , ha vissuto l’esperienza del Concilio. Con aneddoti, molto simpatici, ci ha fatto entrare  nel proprio vissuto, comunicandoci le reazioni avute alle tante novità che venivano proposte. Anche Don Franco Maceri, che dopo l’esperienza, come viceparroco, nella nostra parrocchia , è stato chiamato, dal Signore, ad un nuovo cammino e cioè nella famiglia dei “ Gesuiti “, ha raccontato cosa del Concilio lui ha colto, dato che per la sua giovane età, non ha certo vissuto l’evento. Il suo ricordo è dell’ importanza della Parola di Dio , finalmente anche in mano ai laici ! Lui , da persone laiche l’ha conosciuta e da sacerdote , a persone laiche l’ ha sempre proposta, così da riceverne, anche a distanza di tempo, numerosi ringraziamenti. L’incontro è poi proseguito con alcuni interventi dei presenti, che chiedevano chiarimenti a cui  Don Giovanni ha risposto esaurientemente.

Il tutto si è concluso alle 22 e 45, con saluti e ringraziamenti per la disponibilità, la capacità e la simpatia degli ospiti.

Grazie, Don Giovanni

 

 

                                                                                                                                                                           La Presidente Parrocchiale

                                                                                                                                                                                  Carmela Sforza

 

CONSIGLIO PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA  del  27 giugno 2013

Pensiero spirituale di Don Cono: Trasformare la propria vita, vivere la fraternità, tutto si svolga verso i fratelli, il bene non è mio ma è di Dio, quindi verso gli altri.

Programmazione per l’estate

Luglio: tema “ il Concilio  Vaticano II “

1° e 2° incontro - Verifica sulla propria fede, testimonianza cristiana, vita di fede, perché vivo…..

3° incontro - Testimone del concilio…Es Ida leone, Don Giovanni Mazzillo

Gli incontri si svolgeranno il martedì sera alle ore 21,00

Agosto: tema “Universalità “ – accoglienza incondizionata - extracomunitari…. Per il periodo estivo l’ Azione Cattolica si prende la responsabilità di animare la Santa Messa alle ore 8,30 di ogni domenica. E’ utile partecipare alla prova dei canti ogni venerdì alle ore 20,00.  Per venerdì 12 luglio alle 17,30 incontro presso Piazza Caloprese x “ In cammino verso la Chiesa della Madonna del Carmelo” al Centro Storico per il pellegrinaggio parrocchiale in occasione della novena.

 

 

Formazione Adulti    Mercoledì alle ore 18,00

 

Formazione ACR

6/8 Martedì alle ore 16,30

9/11 Giovedì alle ore 16,30

12/14 Sabato alle ore 15,30

 

 

CONSIGLIO PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA

Giorno 22 gennaio 2012 con inizio alle ore 18,30 il consiglio parrocchiale di AC ha iniziato la sua attività con la recita dei Vespri. Subito dopo prende la parola la Presidente, Carmela Sforza per discutere sui punti posti all’ordine del giorno:

  • Costituire un team per il settore Adulti, per una formazione più organizzata e più a misura del settore e per mantenere la sua identità.

Il consiglio accetta la proposta e tra i presenti accettano di farne parte la presidente, la responsabile degli adulti Tiziana Ciancio, la responsabile ACR Giusj Pasquino e l’economa Anna Bevacqua. All’ incontro del settore Adulti, la Presidente inviterà altri associati a far parte del team.

Altri temi sono stati:

  • la preparazione per la giornata dell’adesione di Domenica 27 Gennaio 2013 alla S. Messa delle ore 11,00 che sarà a carico degli aderenti: Monizione iniziale della Presidente parrocchiale, le Letture ed il Salmo saranno proclamate e recitato dai responsabili dei settori, le preghiere dei fedeli spontanee sulla giornata a cura del settore ACR, all’offertorio saranno portati anche i manifesti dell’AC e le tessere.
  • Si propone in Quaresima una giornata di ritiro spirituale.

Il giovane Ettore Durante, diventanta il responsabile del settore, mostra scoraggiamento in quanto da solo mantiene i contatti con i responsabili diocesani del settore e chiede che i sacerdoti scendano in campo per portare altri giovani in parrocchia. Prende la parola Don Cono, il quale dice che bisogna fare discernimento se si vuole far parte di un gruppo o di un’Associazione. Inoltre si chiede che i responsabili adulti siano formati.

Il consiglio termina con la preghiera e la benedizione finale.

La segretaria dell’AC Parrocchiale

 

     Oggi 10 gennaio 2013 alle ore 18,30 ha avuto inizio l’incontro del Consiglio parrocchiale di AC, voluto da Don Cono per organizzare degli eventi che vedranno protagonista la nostra parrocchia.

  • Si è dato un termine per l’adesione che verrà celebrata Domenica 27 Gennaio 2013 (Giorno della Shoa).
  • La giornata della Festa della Pace si celebrerà nella nostra parrocchia a livello foraniale con la seguente preparazione:
  • L’accoglienza a carico di tutte le comunità parrocchiali di Scalea: segreteria per le iscrizioni a carico dell’equipe diocesana settore ACR; l’animazione sarà curata dalle parrocchie di Praia a Mare; i laboratori per fasce di età: 6/8 Parrocchia Santo Stefano Protomartire di Tortora; 9/11 Parrocchia San Nicola in Plateis di Scalea; 12/14 Parrocchia San Paolo Apostolo di Praia a Mare.
  • La Parrocchia ospitante "SAN GIUSEPPE LAVORATORE" preparerà la celebrazione: proclamazione delle letture – preghiere dei fedeli spontanee – lavori dei laboratori saranno presentati dopo il canto iniziale ed il saluto dell’Assistente Unitario dell’AC Diocesana, Don Giacomo Benvenuto che presiederà la concelebrazione.
  • Nel pomeriggio si svolgerà la gara canora con tre votazioni: 1° per il testo; 2° per la coreografia; 3° per l’esibizione.

Il consiglio continua con gli altri punti posti all’ordine del giorno:

  • Gli incontri degli adulti vengono spostati sia come giorno che come orario: dal venerdì al mercoledì e dalle ore 15,30 alle 18,00.
  • I giovani di AC il sabato alle ore 16,30.
  • L’identità dell’ACR si esprime nei settori attraverso l'iscrizione.
  • In previsione della Giornata del 9 Febbraio che concluderà il Mese della Pace nella nostra parrocchia con una manifestazione presso la sala consiliare del Comune di Scalea con inizio alle 20,00 circa, il settore Adulti di AC Parrocchiale è invitato a partecipare preparandosi sul Messaggio del Santo Padre "BEATI GLI OPERATORI DI PACE".

L’incontro si conclude con la Preghiera finale e la benedizione da parte dell’Assistente spirituale, Mons. Cono Araugio.

La segretaria dell’AC Parrocchiale

Antonietta Trotta

 

 

 

Via Luigi Sturzo, 54  -  87029 Scalea - Cs 

tel/fax 0985/920078

Contatore visite