Parrocchia San Giuseppe Lavoratore - Scalea

 

Home.

 

Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici

Verbale n. 2 del CPAE del 18 settembre 2019

In data 18 settembre c.a., nei locali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore, alle ore 20,30, si è riunito il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici, convocato dal parroco – presidente Mons. Cono Araugio per  discutere sul seguente o d g: andamento economico estivo, lavori di adeguamento locali pastorali per la mensa Caritas “San Giuseppe” e della porta per l’uscita di emergenza. Sono presenti i membri  Ciancio Tiziana, segretaria, l'Economo Bruno Pisciotta, il geometra Carmelo Mirto, il sig. Giuseppe Corona e Giulio Vitale. Dopo la preghiera iniziale, Mons. Cono ha dato la parola all'Economo Bruno Pisciotta che ha illustrato ai presenti l’andamento economico estivo.

A quanto risulta dal bilancio,  bisogna aggiungere altri Euro 2.000,00 che sono sul conto, più Euro 9.800,00 che vanno per la rampa esterna. Il parroco – presidente ha preso la parola mettendo a conoscenza i presenti di avvenimenti, accaduti durante l’estate: uno positivo e l’altro negativo. L’avvenimento positivo è dato dall’ allarme e dall’ impianto di video sorveglianza totalmente gratuito perché pagato dalla CEI, circa Euro 4.000,00 e pianificato dalla Diocesi su richiesta di don Cono; l’avvenimento negativo riguarda, invece,  l’entità del fotovoltaico in quanto sembra che si sia bruciato l’invertitore, strumento che trasforma l’energia solare in energia enel. Per questo problema si sta interessando il sig. Salvatore Galiano, il quale ha chiamato a Milano la ditta, quest’ultima ha fatto sapere che è scaduta l’assicurazione perché nessuno ha mai chiesto di rinnovarla. La ditta di Milano manderà una lettera nella quale la parrocchia autorizzerà l’intervento e poi probabilmente sarà smontato il cervello e mandato a Milano per la riparazione. Terminato questo punto, si è passati a discutere nuovamente sui costi della rampa esterna che, ipoteticamente, è di Euro 7.200,00.

Per quanto riguarda la porta dell’uscita di emergenza, sarà messo il portoncino di legno che era quello di mons. Crusco, quindi per la porta non ci saranno oneri per la parrocchia e poi sarà messa l’antiporta come le altre. Conseguentemente come spese sulla rampa, non dovrebbero esserci problemi di copertura. L’altra opera per la quale la parrocchia è stata privilegiata, riguarda la Mensa Caritas “San Giuseppe” per la quale la parrocchia riceve dalla CEI un contributo per la riqualificazione degli ambienti di Euro 9.900,00 tutto compreso e poi  Euro 5.200,00 per l’attrezzatura: cucina, frigorifero, cappa aspirante, piano cottura e tutto quello che serve. I lavori che si andranno a fare, saranno fatti con totale copertura. Si avranno poi altri Euro 5.000,00 che la Diocesi mette a disposizione per l’acquisto degli alimenti come verdura, frutta, carne, oltre la fornitura del Banco Alimentare, le stoviglie rientrano, invece, nella quota della Diocesi. Cucina 4 fuochi: euro 2.700,00 + lavello: euro 295,00 + cappa aspirante euro 250,00 + frigorifero Euro 650,00 per un totale di euro 5.295,00. Mons. Cono precisa che occorre formare, prima, un team di volontari che si occupi di questo servizio almeno uno o due persone stabili perché al di là dei volontari di coordinamento ci deve essere chi si interessa della mensa.

Probabilmente saranno utilizzati vassoi polivalenti monouso per evitare il problema dell’igiene. Don Cono ha precisato anche che l’accesso alla mensa come anche alla Caritas sarà dal lato monte, ingresso totalmente indipendente dai locali immediatamente pastorali. La Mensa Caritas San Giuseppe sarà operativa già da questo inverno,  e opererà dal lunedì al venerdì preparando e offrendo pasti per circa venti persone e, cercando di servire a domicilio quei fratelli e/o quelle sorelle che saranno impossibilitate a venire in parrocchia. Dopo la preghiera conclusiva, il Consiglio è terminato alle ore 21,30.

                              Il parroco – presidente                                                                                                                                    La segretaria

                                Mons. Cono Araugio                                                                                                                                     Tiziana Ciancio

 

 

Verbale n. 1 del CPAE del 19 Luglio 2019

In data 19 luglio c.a., nei locali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore, alle ore 20,30, si è riunito il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici, convocato dal parroco – presidente Mons. Cono Araugio per un aggiornamento – resoconto del bilancio nel periodo che va da Gennaio a Giugno c. a.. Sono presenti i membri  Ciancio Tiziana, segretaria, l'Economo Bruno Pisciotta, il sig. Giuseppe Corona e Giulio Vitale. Dopo la preghiera iniziale, Mons. Cono ha dato la parola all'Economo Bruno Pisciotta che ha illustrato quanto riportato nel prospetto sotto riportato.

 

Dopo la spiegazione della suddetta rendicontazione da parte dell'Economo e la preghiera conclusiva, il Consiglio è terminato alle ore 21,30.

 

                                Il parroco – presidente                                                                                                                               La segretaria

                                  Mons. Cono Araugio                                                                                                                               Tiziana Ciancio

 

Verbale 2 – 2019 del CPAE

In data 5 Febbraio 2019, alle ore 20:00, si è tenuto nei locali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore, il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici alla presenza del parroco – presidente Mons. Cono Araugio, per discutere il seguente o. d. g.: Approvazione del bilancio Gennaio – Dicembre 2018. Sono presenti i membri: Ciancio Tiziana, Corona Giuseppe, Pisciotta Bruno, Vitale Giulio. L’incontro è iniziato con l’affidamento alla Beata Vergine Maria, per la buona riuscita e le buone intenzioni del Consiglio. Alla fine della preghiera, Mons. Cono Araugio, nel suo breve ma incisivo pensiero spirituale, ha esortato i componenti a meditare sul vero valore del CPAE  della sua positività ed utilità che ha nella e per la Comunità parrocchiale invitandoli a vivere l’impegno di sensibilizzazione a sovvenire alle necessità della parrocchia. Il CPAE deve rispecchiare la primitiva famiglia di Gesù che, per sostenere le spese e avere un bilancio di famiglia, il Signore aveva affidato a  Giuda l’incarico di tenere la cassa. Il parroco – presidente sottolinea ancora una volta che, purtroppo, non tutti colgono la preziosità di sostenere le necessità economiche della parrocchia. Dopo il pensiero spirituale, Mons. Cono Araugio dà la parola al commercialista Bruno Pisciotta per la lettura del bilancio, conclusivo di quest’anno pastorale, che si allega al presente verbale.

Il CPAE si aggiorna alla prossima seduta che sarà in data 19 Febbraio 2019 alle ore 20:00  per dare la possibilità al commercialista di apportare delle modifiche in riferimento alle voci: spese caritative e ristrutturazione della chiesa

Il Consiglio termina alle ore 21:00, con la preghiera del Padre Nostro.

5 Febbraio 2019, Memoria Liturgica di Sant’Agata, vergine e martire

                                 Il segretario                                                                                                                                                                                                                           Il Presidente

                              Tiziana Ciancio                                                                                                                                                                                                               Mons. Cono Araugio

 

VERBALE N° 1 – 2018 del CPAE

In data 12 dicembre 2018, alle ore 19:00, si è tenuto il Consiglio Pastorale per gli affari economici alla presenza del parroco – presidente Mons. Cono Araugio per discutere il seguente o. d. g.: Bilancio Gennaio – Novembre 2018. Presenti all’incontro sono i membri: Ciancio Tiziana, Corona Giuseppe, Pisciotta Bruno, Vitale Giulio. Dopo aver affidato alla Beata Vergine Maria la buona riuscita e le buone intenzioni dell’incontro, Mons. Cono Araugio dà la parola al commercialista Bruno Pisciotta per la lettura del bilancio degli 11 mesi trascorsi. Bruno Pisciotta fa notare che il bilancio è in passivo, inoltre, evidenzia che le spese di ampliamento della chiesa con la costruzione della cappella feriale, la parrocchia ha speso euro 40.000,00 suddivisi così: euro 30.000,00  più euro 10.000,00 donati dalla Diocesi. Circa i lavori di ampliamento della chiesa, il geometra Carmelo Mirto si è sovraccaricato ogni sorta di gravame che è stato non per niente facile; da ciò si deduce che il si. Mirto ha lavorato in maniera del tutto gratuita. Mons. Cono Araugio, a tal proposito, rende noto i componenti del Consiglio che la parrocchia affronterà altre spese in prospettiva dell’apertura di altre due porte antipanico laterali, per agevolare la fuoriuscita dei fedeli per questioni di sicurezza. Ridando la parola al commercialista, quest’ultimo fa notare nel bilancio, gli introiti ordinari che oscillano tra gli euro 200.00 – euro 300.00 tra messe, cassette delle offerte e questua, inoltre Mons. Cono aggiunge che i sacramenti sono la voce che frutta di più rispetto alla voce Esequie che, invece, sta diminuendo. Unitamente a quanto detto finora, Don Cono rende noto che ci sono problemi con la ditta  che ha installato i pannelli fotovoltaici per la manutenzione, venduti dalla società GSE a don Michele Oliva e sottolinea che la ditta installatrice gestiva il fotovoltaico sulla email di Don Michele per le comunicazioni, per cui risulta difficile risalire a chi è stato perché chi montò il fotovoltaico fu subito licenziato. Di tutto questo, dopo essere andati per vie legali, alla parrocchia sono stati restituiti euro 6.000,00 ed avanza ancora altri euro 2.639,00. L’altra voce che richiede molta manutenzione con le conseguenti spese è il Parco degli angeli. Mons. Cono Araugio fa notare che, purtroppo, non c’è la volontà, da parte dei parrocchiani di sovvenire alle necessità della chiesa, bene comune, con l’8\1000.

Il Consiglio termina alle ore 20:00 con l’affidamento dei lavori della giornata a Dio Nostro Padre.

12 Dicembre 2018, Memoria Liturgica di Nostra Signora di Guadalupe

 

                         Il segretario                                                                                                                                                                                          Il Presidente

                    Tiziana Ciancio                                                                                                                                                                                Mons. Cono Araugio

 

BILANCIO ANNO PASTORALE 2017

 

Verbale N°1 – 2018 del CPAE

    In data 10 Gennaio 2018 alle ore 20,00, nei locali pastorali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore in Scalea, si è riunito il Consiglio per gli Affari Economici per discutere e approvare il bilancio 2017. Sono presenti i membri: Corona Giuseppe, Pisciotta Bruno, Vitale Giulio. E’ assente giustificata per motivi di salute il membro Vacca Kelly. Dopo la preghiera iniziale tratta dagli scritti di Santa Teresa di Calcutta e la meditazione del parroco Mons. Cono Araugio, si è passato al primo punto all’o. d. g.

     Comunicazioni sull’ampliamento dell’edificio – chiesa da parte del geometra sig. Carmelo Mirto, invitato dal parroco – presidente per relazionare, ai membri del CPAE, sull’ampliamento e sull’iter burocratico per dare inizio ai lavori. Il sig. Carmelo Mirto ha detto che l’esecuzione dei lavori della Chiesa bisogna attendere il decreto definitivo della Provincia visto che la Sovrintendenza ha rilasciato il parere vincolante favorevole, in modo che il Comune rilasci il permesso a costruire.

     Dopo questa breve comunicazione, si è passato alla discussione e all’approvazione del bilancio 2017. Il parroco – presidente ha passato la parola al comm. Bruno Pisciotta per la lettura del bilancio. Egli ha fatto notare che si è stati in attivo nei mesi Aprile -  Agosto e in passivo nel mese di Dicembre perché sono stati pagati molti debiti pregressi. Delle voci riportate in bilancio, quella che è sempre in attivo è la Caritas con offerte sistematiche e la questua con offerte ordinarie nelle cassette mentre la voce penalizzante è il mantenimento del Parco degli Angeli.

    Con l’ampliamento della chiesa, si andrà a spendere intorno agli Euro 20.000,00 è una quota già coperta con una offerta privata per cui non avremo aggravi per il bilancio parrocchiale.  Al termine della lettura del bilancio, prende la parola il parroco – presidente  il quale informa i presenti che è solo grazie alla benevolenza di Mons. Vescovo che ha abbonato Euro 20.000,00 degli iniziali Euro 60.000,00 costo pattuito per l'acquisto della canonica,  la parrocchia può chiudere questo anno in attivo. Dopo aver approvato il bilancio, il CPAE ha chiuso i lavori alle ore 21,00 con la preghiera alla Beata Vergine Maria.

 

                                                    La  Segretaria                                                                                                                                                     Il Presidente

                                                 Tiziana Ciancio                                                                                                                                              Mons. Cono Araugio

 

Verbale N° 2 – 2017 del CPAE

  In data 12 Febbraio 2017 alle ore 20.00 nei locali pastorali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore in Scalea, si è riunito il Consiglio parrocchiale per gli Affari Economici per discutere e approvare il bilancio 2016. Sono presenti i membri: Corona Giuseppe, Pisciotta Bruno, Vacca Rachele e Vitale Giulio. Dopo la preghiera iniziale rivolta alla Vergine Maria, il parroco – presidente  Mons. Cono Araugio passa la parola al sig. Bruno Pisciotta per la lettura del rendiconto 2016 e, alla voce Offerte in occasione delle feste, Mons. Cono specifica che il primo anno del suo arrivo nella parrocchia, la festa di San Giuseppe Lavoratore coincideva con la visita alle famiglie e poiché, precedentemente, era passato il comitato per la festa, le famiglie credevano di dover dare un’ulteriore donazione. Dopo questa breve parentesi, il parroco – presidente ripassa la parola al sig. Pisciotta che riprende la lettura del bilancio. Dalla lettura dei dati contabili si evince che il bilancio dell'anno solare 2016 presenta un attivo di Euro 11.747,65. Dopo l’approvazione da parte dei membri componenti il consiglio, la seduta si scioglie alle ore 21.00 con la preghiera di ringraziamento.

 

 

La segretaria

Tiziana Ciancio

 

Il Presidente

Mons. Cono Araugio

 

Verbale N° 1 – 2017 del CPAE

In data 11 gennaio 2017, alle ore 20.00 nei locali pastorali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore in Scalea, si è riunito il Consiglio Pastorale per gli affari economici per discutere sul bilancio 2016. Sono presenti i membri: Corona Giuseppe e Pisciotta Bruno, sono assenti Vacca Kelly, giustifica per impegni precedentemente assunti, e Vitale Giulio. Dopo la preghiera iniziale, il parroco – presidente Mons. Cono Araugio passa la parola al sig. Bruno Pisciotta che, dopo un’analisi dettagliata della situazione finale dell’anno solare delle entrate e delle uscite e dopo averne dato lettura, comunica quanto segue:

Situazione finale dell’anno solare:

Entrate: E. 75.992,24

Uscite: E. 64.066,86

Avanzo/Disavanzo al 31 dicembre 2015: E. 11.925,38

Disponibilità al 31 dicembre 2016: E. 12.866,28.

Avanzo/Disavanzo Anno Precedente: E. 24,791,66

Il Consiglio si scioglie, dopo la preghiera alla Vergine Maria, alle ore 21.00

 

 

Il segretario                                                                                                                                                                                                                                Il Presidente

Tiziana Ciancio                                                                                                                                                                                                                     Mons. Cono Araugio

 

 

 

 

Bilancio Festa Patronale 2016

 

ENTRATE

Offerte dei fedeli   …………………………..   975,00

Questua e Candeliere ……………………..    375,07

Totale Entrate ……………………………… 1.340,07

 

USCITE

Spese adeguamento base Statua …….....    160,00

Spese della Festa Crispelle e Varie …......   135,00

Musica della Festa …………………………..  200,00

Banda per la Processione …………………    800,00

Totale Uscite  ………………………………   1.295,00

 

VERBALE N° 1\2016 del CPAE

In data 3 marzo 2016 alle 20,00, nei locali pastorali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore in Scalea, si è riunito il consiglio parrocchiale degli affari economici per discutere sul bilancio 2015. Sono presenti i membri: Corona Giuseppe e Vacca Rachele.

Il parroco – presidente Mons. Cono Araugio, dopo la preghiera iniziale e un breve pensiero spirituale, comunica che, allo stato attuale, si mantengono stabili le offerte delle questue e dei candelieri, sono in attivo le offerte delle Caritas parrocchiale mentre rimangono abbastanza gravose le spese di gestione ordinaria. Dopo l’intervento del parroco, ha preso la parola la commercialista dott.ssa Vacca Rachele che ha illustrato ai presenti il bilancio parrocchiale dell’anno 2015 comunicando che al 31\12\2015, la parrocchia presenta un disavanzo di E. 24,791,66 da cui viene detratta la somma di E. 5,247,32 scaturita dal saldo attivo al 31\12\2015 del BancoPosta intestato alla Parrocchia San Giuseppe Lavoratore. Pertanto la parrocchia presenta un passivo di E. 19,544,34.

Il consiglio si scioglie con una preghiera alla Vergine Maria alle ore 21.00.

                                                                                                                                                                                                                                                 Il Presidente

                              Il segretario                                                                                                                                                                                        Mons. Cono Araugio

                       Tiziana Ciancio

 

Verbale N° 3/2015 del CPAE

 In data 01/12/2015 alle ore 20,00, nei locali pastorali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore in Scalea, si è riunito il Consiglio pastorale degli affari economici che, in virtù degli spostamenti dei due diaconi Pisciotta Gianpietro nella parrocchia SS.Ma Trinità in Scalea e Ielpa Eugenio nella parrocchia San Giuseppe in Santa Domenica Talao, è stato reimpostato con l’inserimento dei membri Corona Giuseppe e Ciancio Tiziana, nella funzione di segretaria mentre rimangono confermati i membri: Vitale Giulio e Vacca Rachele.

 Il consiglio si apre con la preghiera per l’anno della Misericordia e il pensiero spirituale del parroco – presidente Mons. Cono Araugio sul significato dell’ icona – logo dell’ anno giubilare e sul viaggio pastorale del Santo Padre nella terra di Africa e il suo relativo messaggio.

 In questa seduta si è parlato del bilancio aggiornato ad agosto 2015, presentato dalla Dott.ssa Rachele Vacca. La commercialista ha informato i presenti che la parrocchia, ad oggi guardando l’anno solare, presenta un attivo di Euro 3.978,73 per offerte da parte di singoli fedeli. Restano ancora da pagare Euro 20.000.00 alla Diocesi per la casa canonica alla quale sono stati versati 30.000,00 euro. Allo stato attuale, anche a motivo del disavanzo sul preventivo determinato dalla realizzazione del Campetto Polivalente si è passati dagli iniziali  meno 44.230,76 agli attuali  30.619,05 euro di passivo.

Si è stabilito di fare alcuna seduta intermedia, per cui il CPAE si aggiorna al nuovo anno per la presentazione del bilancio definitivo in data da definire. il consiglio è terminato con la preghiera alle 21,00 circa.

  La segretaria                                                                                                                                                                                Il parroco

Tiziana Ciancio                                                                                                                                                                   Mons. Cono Araugio

VERBALE  N.  2/2015 

Scalea   –   Oggi 14 luglio 2015, alle ore 20,00  si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore  di  Scalea,  con all’ordine del giorno: 

˗          Verifica semestrale bilancio parrocchiale.

Erano presenti all’incontro: il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio, il vice parroco Don FiorinoImperio, i  diaconi permanenti  Gianpietro Pisciotta ed  Eugenio  Ielpa, l’accolito Giulio Vitale  e la dott.ssa Rachele Vacca.

In attesa che iniziasse l’incontro, il parroco Mons. Cono ha messo al corrente i partecipanti che nel mese di agosto di quest’anno, la nostra parrocchia ospiterà una mostra sulla Sacra Bibbia, che sarà allestita nel salone parrocchiale sotto la chiesa; sarà una mostra con pannelli, fotografie, libri antichi ed altri oggetti che tratteranno della Sacra Bibbia, saranno, inoltre organizzate visite guidate, proiezioni di filmati, catechesi ed incontri sul tema.

A seguire la dott.ssa Rachele Vaccaha iniziato l’incontrodel CPAE illustrando la situazione economica della Parrocchia, aggiornata a 30 giugno c. a. che risulta essere così sintetizzata:

Entrate  €  32.045,54               Uscite  €  76.276,33            Saldo passivo  €  -  44.230,79

Tenendo conto anche del deposito di  €  17.741,24 il saldo passivo si riduce a € - 26.489,55 a cui però, dovranno essere aggiunte a breve le spese già previste di € 10.000,00 (prima rata di trenta mila) da versare alla Diocesi per l’acquisto della Casa Canonica e quelle per alcuni lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria della parrocchia.

Dall’analisi delle spese, risulta che le uscite di una certa consistenza si sono avute per l’adeguamento e la messa a norma dell’impianto elettrico della canonica, per il completamento della recinzione del campetto di calcio e per il completamento dei lavori previsti alla chiesa della SS. Trinità (finanziati dalla diocesi);mentre per le voci delle entrate, da rilevare le offerte raccolte in occasione delle visite e benedizione delle famiglie e quelle in occasioni delle feste sacramentali.

Il parroco, Mons. Cono, ha nuovamente fatto rilevare che, purtroppo,  non è radicata nei nostri parrocchiani una cultura di  partecipazione volontaria alle varie necessità economiche della parrocchia, per cui anche le più semplici spese, come la pulizia della chiesa o dei locali pastorali o altri lavori e/o interventi di varia natura, devono gravare sulle poche entrate del bilancio.

Alle ore 20,45 circa, l’incontro è stato concluso con una preghiera alla Vergine Maria, dandoci appuntamento alla fine del mese di ottobre 2015 per un nuovo incontro di aggiornamento e di verifica .

 

            Il Segretario del CPAE                                                                                                                                                  

Gianpietro  PISCIOTTA     

                                                                                                                                                                                       Il Presidente                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                            Mons.  Cono  ARAUGIO

 

 

VERBALE  N.  1/2015  del   CPAE

Scalea   –   Oggi 24 marzo 2015, alle ore 20,00  nel salone P. G. Frassati si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore  di  Scalea,  con all’ordine del giorno: 

  • Approvazione del bilancio parrocchiale  dell’anno 2014.

Il Parroco ha introdotto i lavori facendo la memoria dei martiri della Chiesa del nostro tempo, troppo spesso ignorati, eppure tanto numerosi. Nei nostri mass media della Chiesa si preferisce mettere in risalto più i tratti di potenza che comunque vengono fortemente mistificati dal Santo Padre, che non i segni di totale offerta al Vangelo. Ormai la Chiesa è perseguitata in molte aree del mondo, per cmoltoe comunità si deve parlare di un vero e proprio sterminio e volontà di genocidio, ma semra che queti problemi non interessino neanche alle comunità cristiane che raramente si soffermano sulla situazione di sofferenza di tanti fratelli e sorelle.

Erano presenti all’incontro: il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio; il Vicario parrocchiale don Fiorino Imperio, i  diaconi permanenti  Gianpietro Pisciotta ed  Eugenio  Ielpa; l’accolito Giulio Vitale. La dott.ssa Rachele Vacca che, nella sua qualità di Commercialista lo ha redatto, ha presentato il  bilancio parrocchiale per l’anno 2014 che, alla luce delle ultime verifiche, risulta essere così sintetizzato:

                                             ENTRATE  €  157.500,64              USCITE  €  143.092,43             SALDO             €  14.408,21

                                                                                                          Disavanzo negativo al 01/01/2014                €   - 24.743,75

                                                                                                                             Deposito su  libretti di C/C          €     17.741,24

                                                                                                                                 SALDO TOTALE  GENERALE   €  7.405,70

In questo bilancio annuale, si notano in particolar modo, per la voce delle Entrate, la somma di € 45.000 derivante dall’eredità di don Miche Oliva, di cui però € 10.000 sono stati restituiti ai familiari; la generosa offerta di un fedele anonimo di € 25.000; la somma di € 30.000 versati dalla Diocesi per i lavori alla chiesa della SS. Trinità, somma per altro, completamente spesa per detta finalità. Per la voce delle Uscite si evidenziano gli € 23.000 circa spesi per il completamento del campetto di calcio; la somma di € 20.000 versati alla Diocesi per l’acquisto della parte dei locali della canonica, ancora di sua proprietà, con l’impegno di un ulteriore versamento annuale di € 10.000 per i prossimi tre anni; e la spesa di € 5.500 circa per il rifacimento e l’adeguamento a norma, dell’impianto elettrico di tali locali.

E' stata messa nuovamente in risalto la difficoltà da parte della parrocchia a poter corrispondere in modo adeguato alle tante esigenze di gestione, la situazioni di crisi che perdura va sommata all'allontanamento interiore di tanti che non si colgono più nell'impegno di dover sostenere economicamente la vita della comunità. Anche in occasione delle celebrazioni sacramentali le offerte tendono a diminuire. La speranza è che anche nella condizione di povertà non manchi l'offerta della Vedova del Vangelo che comunque concorre alla vitalità della parrocchia. Continuano, sostenute bene dalla comunità parrocchiale, le attività caritative che danno grande conforto a coloro che realmente possono avere bisogno del pane quotidiano. Continua anche il lavoro di riqualificazione dell'area liturgica nella quale, grazie alle offerte dei privati si sta portando a completamento il cammino della Via Crucis.

Detto bilancio parrocchiale per l’esercizio dell’anno 2014, è stato approvato e firmato da tutti i componenti del CPAE. Una copia del prospetto, con tutte le relative e dettagliate voci del bilancio, vidimato dall’Economo Diocesano, sarà allegato al presente verbale. L’incontro è stato concluso con una preghiera alla Vergine Maria alle ore  21,00 circa.

 

                                                                                                                                                                                                                                                                 Il  Segretario                                                                           

                                                                                                                                                                                                                                                             Gianpietro  Pisciotta                                                                       

 

VERBALE  N.  12  del   CPAE

Scalea   –   Oggi 05 novembre 2014, alle ore 20,00  nel salone P. G. Frassati, si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore  di  Scalea,  con all’ordine del giorno: 

-        Verifica trimestrale del bilancio parrocchiale.

Erano presenti all’incontro: il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio; i  diaconi permanenti  Gianpietro Pisciotta ed  Eugenio  Ielpa; l’accolito Giulio Vitale  e la dott.ssa Rachele Vacca, nella sua qualità di Commercialista. Dopo una preghiera iniziale del parroco Mons. Cono, la dott.ssa Rachele Vacca, ha illustrato ai presenti, l’andamento economico del bilancio parrocchiale per il trimestre luglio – settembre 2014 che al 30 settembre 2014 vede un  avanzo attivo  di  €  12.813,52   per effetto di un bilancio generale (01 gennaio – 30 settembre 2014)  così sintetizzato:

Entrate  €  116.566,59                  Uscite  €  103.753,45               Saldo attivo  €  12.813,52  

L’analisi delle entrate e delle uscite mensili, ha evidenziato un andamento passivo per quasi tutti i mesi, eccezion fatta per alcuni mesi, tra cui il mese di agosto, per la quale, grazie anche ad una generosa donazione anonima di circa €  25.000, il bilancio risulta attualmente in attivo. D’altronde, la nostra parrocchia ha sempre bisogno di costanti interventi e lavori di manutenzione ordinaria e spesso, straordinari; tenendo anche conto che le offerte, da parte dei fedeli, anche a causa dell’attuale congiuntura economica generale, sono relativamente basse, si ritiene che il bilancio annuale (al 31 dicembre 2014) risulterà certamente in passivo, tenendo anche conto del saldo negativo di chiusura del bilancio per l’anno 2013 di €  28.114,03 che dovrà essere computato.

Il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio ha, comunque, invitato tutti a stare sereni, pregando, continuando  a collaborare e a lavorare per il bene della nostra parrocchia. Alle ore  21,00 circa l’incontro è stato concluso con una preghiera.

            Il  Segretario                                                                                                                                                               

      Gianpietro  Pisciotta                                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                            Il  Presidente

                                                                                                                                                                                                                        Mons.  Cono  Araugio

 

VERBALE  N.  11  del   CPAE

 

Scalea   –   Oggi 02 ottobre 2014,   il Parroco – Presidente  Mons.  Cono  Araugio, rende noto a tutti i  componenti  del C.P.A.E.  che alcuni oggetti e suppellettili, di seguito elencati nel presente verbale,  di proprietà della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore di Scalea, sono stati donati nella dinamica della sussidarietà ad altre Parrocchie della nostra Diocesi che, avendone necessità ed essendone sprovviste, ne hanno fatto richiesta.

Elenco   degli  oggetti:

Sedia  presidenza                                             C/o      Parrocchia Immacolata Concezione  –   Loc. Cirimarco – Bonifati.

Tabernacolo in bronzo                                   C/o      Parrocchia Immacolata Concezione  –   Loc. Cirimarco – Bonifati.

14 Via Crucis dorati                                        C/o      Parrocchia Immacolata Concezione  –   Loc. Cirimarco – Bonifati.

Sedie e materiale  didattico                           C/o      Parrocchia Immacolata Concezione  –   Loc. Cirimarco – Bonifati.

Turibolo in bronzo e navetta                        C/o      Parrocchia Immacolata Concezione  –   Loc. Cirimarco – Bonifati.

Crocifisso della Sindone                               C/o      Parrocchia Sacro Cuore          –    Marcellina

Pedana in legno per statua                           C/o      Parrocchia Sacro Cuore          –    Marcellina

Leggio da mensa dorato                              C/o      Parrocchia San Giuseppe       –    Santa Domenica Talao

N. 2 Candelabri dorati                                    C/o      Parrocchia San Giuseppe       –    Santa Domenica Talao

  

            Il  Segretario                                                                                                                                                              Il  Presidente

      Gianpietro  Pisciotta                                                                                                                                             Mons.  Cono  Araugio

 

VERBALE  N.  10  del   Consiglio per gli Affari Ecclesiastici

 

Scalea   –   Oggi 28 luglio 2014, alle ore 21,00  nel salone P. G. Frassati si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore  di  Scalea,  con all’ordine del giorno:  Verifica semestrale bilancio parrocchiale. Erano presenti all’incontro: il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio; i  diaconi permanenti  Gianpietro Pisciotta ed  Eugenio  Ielpa; l’accolito Giulio Vitale  e la dott.ssa Rachele Vacca, nella sua qualità di Commercialista,

Dopo una preghiera iniziale, il parroco Mons. Cono, ha brevemente spiegato il senso di questo incontro, che vuole essere una verifica semestrale del bilancio parrocchiale, alla luce delle iniziative in corso, in questo tempo, nella nostra parrocchia:  è stata, infatti, definita l'acquisizione, dopo trentasei anni, da parte della parrocchia, della parte della Casa Canonica che è stata utilizzata, fin dalla sua costruzione come sede del Vescovo; per cui adesso la parrocchia ha a sua disposizione tutto l’immobile.  Sono iniziati i lavori per la realizzazione di un Campetto sportivo Polivalente,  al servizio dei ragazzi, dei giovani e di chi vorrà passare il tempo libero nell’ambiente parrocchiale. Don Cono ha anche ricordato che una buona parte del campetto è finanziata, con il ricavato  della vendita della Casa personale di Don Michele Oliva, come pure l’acquisizione della casa vescovile.

Per la  completa realizzazione  del  campetto,  è  prevista una spesa di circa €  22.000,00.   Mentre  l’acquisizione  della  casa vescovile  è  stata  così  definita:  costo  complessivo  €  60.000,00  di cui 10.000,00  condonati  dalla  Diocesi  per  futuro  utilizzo  dell’immobile  per  attività promosse dallo stesso  Ente  Diocesano;   € 50.000,00  regolati  nel  seguente  modo: € 20.000,00  già  corrisposti;  € 30.000,00  da  versare  in  quote  di € 10.000,00  tra  il  1°  gennaio  ed  il 31 dicembre di ogni anno, a partire dal 1° gennaio 2015.

Certo, saranno necessari ulteriori finanziamenti e risorse – ha ricordato don Cono – ma si lavora con serenità e gioia e sicuramente la Divina Provvidenza non farà mancare, il suo aiuto. Nel contempo, proseguono anche i lavori di riqualificazione degli spazi liturgici con il completamento della Via Crucis e pastorali con la riqualificazione degli ambienti acquistati dalla diocesi.

A seguire, la dott.ssa Rachele Vacca, ha illustrato ai presenti, della situazione del bilancio parrocchiale che, al 30 giugno 2014,  risulta essere così sintetizzato:

Entrate  €  71.691,32                         Uscite  €  44.103,15               Saldo attivo  €  27.588,17

Occorre ricordare che tra le entrate sono anche computati i proventi derivati dalla vendita della casa che Don Michele Oliva ha lasciato alla parrocchia (Cinquantamila euro, meno diecimila euro restituiti ai familiari). Si concorda che un prossimo incontro di verifica del CPAE sarà tenuto nel mese di settembre 2014. Alle ore  22,00 circa l’incontro è stato concluso con una preghiera.

            Il  Segretario                                                                                                                                                         Il  Presidente

      Gianpietro  Pisciotta                                                                                                                                               Mons.  Cono  Araugio

 

VERBALE  N.  9  del   CPAE

Scalea   –   Oggi 26 marzo 2014, alle ore 19,00  nel salone P. G. Frassati si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore  di  Scalea,  con all’ordine del giorno: 

-        Approvazione Definitiva del bilancio parrocchiale  anno 2013.

Erano presenti all’incontro: il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio; il Vicario parrocchiale Padre Ernest, i  diaconi permanenti  Gianpietro Pisciotta ed  Eugenio  Ielpa; l’accolito Giulio Vitale. Presente anche la dott.ssa Rachele Vacca, che nella sua qualità di Commercialista, ha redatto il bilancio,  lo ha illustrato presentando voce per voce il  bilancio parrocchiale per l’anno 2013 che, alla luce delle ultime verifiche, controlli e rettifiche, risulta essere così sintetizzato:

ENTRATE  €  102.574,40                              USCITE  €  154.823,76                     SALDO                                 €  - 52.249,36

                                                                                                                          Avanzo al 31/12/2012                €     24.135,36

                                                                                                                  Deposito su  libretto Bancoposta          €      3.370,25

                                                                                                                                           SALDO TOTALE     €  - 24.743,75

Detto bilancio parrocchiale per l’esercizio dell’anno 2013, è stato approvato e firmato da tutti i componenti del CPAE. Una copia del prospetto, con tutte le relative e dettagliate voci del bilancio, vidimato dall’Economo Diocesano, sarà allegato al presente verbale. L’incontro è stato concluso con una preghiera alle ore  20,00 circa.

 

            Il  Segretario                                                                                                                                                              Il  Presidente

      Gianpietro  Pisciotta                                                                                                                                                   Mons.  Cono  Araugio

 

 

VERBALE  N.  8  del Consiglio Pastorale degli Affari Economici

 

Scalea   –   Oggi 11 marzo 2014, alle ore 19,00  nel salone P. G. Frassati si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore  di  Scalea,  con all’ordine del giorno:  Verifica del bilancio parrocchiale  anno 2013. Erano presenti all’incontro: il Presidente Mons. Cono Araugio; la dott.ssa  Rachele Vacca;  i  diaconi permanenti  Gianpietro Pisciotta ed  Eugenio  Ielpa; l’accolito Giulio Vitale. Prima di passare alla verifica contabile del Bilancio parrocchiale, Mons. Cono ha posto l’accento sul fatto che,  purtroppo, la parrocchia continua ad essere fatta oggetto di furti; dopo i due candelabri sottratti dalla Chiesa nei mesi passati, nei giorni scorsi è stato asportato dal salone “Pier Giorgio Frassati” il televisore e, proprio nella serata di oggi, è stata rubata la busta contenente i soldi della questua effettuata in chiesa domenica scorsa. Inoltre dobbiamo lamentare anche il comportamento e gli atti vandalici, perpetrati a danno dei locali e delle suppellettili della nostra parrocchia. Nel frattempo, è arrivata la dott.ssa Rachele Vacca, che ha illustrato la situazione del bilancio parrocchiale per l’anno 2013 che risulta essere così sintetizzato:

ENTRATE  €  101.821,71                 USCITE  €  147.333,28                                                         SALDO               €  - 45.511,57

                                                                                                                  Avanzo al 31/12/2012                           €     24.135,36

                                                                                                                     Deposito su  libretto Bancoposta          €      3.370,25

                                                                                                                                              SALDO TOTALE     €  - 18.005,96

Tale bilancio risulta, peraltro, ancora provvisorio poiché durante le feste del mese di dicembre 2013 è stato effettuato l’accredito della somma di  € 45.000,00 derivante dalla vendita della casa e del magazzino, lasciati in eredità alla Parrocchia, da Don Michele Oliva, pertanto tale somma risulterà disponibile e sarà evidenziata nella voce delle entrate del mese di Gennaio 2013  Per l’approvazione definitiva del bilancio e la firma dei relativi modelli, il CPAE  sarà convocato, congiuntamente con i membri del CPP, in modo che anche tale organismo parrocchiale possa prendere visione, per martedì 18 marzo p.v. L’incontro è stato concluso con una preghiera alle ore  20,00 circa.

            Il  Segretario                                                                                                                                                             Il  Presidente

      Gianpietro  Pisciotta                                                                                                                                                   Mons.  Cono  Araugio

 

VERBALE N. 7 del Consiglio Pastorale degli Affari Economici

Scalea – Oggi 10 febbraio 2014, alle ore 19,30 nei locali pastorali si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore di Scalea, con il seguente ordine del giorno:

-        Verifica andamento economico della Parrocchia.

-        Approvazione bilancio anno 2013

 

Erano presenti all’incontro:  il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio; la dott.ssa Rachele Vacca; i componenti il consiglio Gianpietro Pisciotta, Eugenio Ielpa e  Giulio Vitale;

     Dopo una preghiera iniziale,  il Parroco – Presidente, Mons. Cono Araugio ha comunicato che è stato concluso l’iter della vendita della casa, lasciata in eredità da Don Michele Oliva, con il relativo incasso del  pagamento del prezzo stabilito  (prezzo stabilito ((€ 50.000);  ha, inoltre,  riferito  che è stato effettuato un versamento di € 10.000,00 in favore della sorella di Don Michele, sig.ra Oliva Giuseppina, come contributo della somma ricevuta e derivante dall’eredità della quota parte “Genovesi”.

     Mons. Cono ha voluto sottolineare anche le ultime indicazioni pervenute dal nostro Vescovo circa l’utilizzo delle risorse economiche parrocchiali, come pure il comportamento da tenere in occasione delle varie funzioni religiose, dove sono previste eventuali offerte in denaro, evitando qualsiasi forma di richiesta o di tariffario, ma il tutto resti legato alle semplici offerte volontarie.

    A seguire, la dott.ssa Rachele Vacca ha fatto prendere visione a tutti i componenti del Consiglio, dei prospetti del bilancio parrocchiale, con le varie voci di entrate ed uscite.

    Da una prima e sommaria analisi delle voci di entrata ed uscita,  è risultato che il bilancio parrocchiale, per l’anno 2013,  sarà chiuso in passivo;  ma essendosi resa necessaria l’acquisizione di ulteriore documentazione, per il completamento e la correzione di alcune voci del bilancio, si è ritenuto opportuno rinviare l’approvazione dello stesso, in un prossimo incontro, da tenersi per la fine del mese di febbraio. Alle ore 20,15 circa, non essendoci altri argomenti da trattare, l’incontro è stato concluso con una preghiera.

Il  segretario                                                                                     

Gianpietro  PISCIOTTA                                                                 

                                                                                                     Il Presidente

                                                                                                   Mons.  Cono  ARAUGIO

 

VERBALE N. 6 del Consiglio Pastorale degli Affari Economici

 

 Scalea – Oggi 11 novembre 2013, alle ore 19,00 nei locali pastorali si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore di Scalea, con il seguente ordine del giorno: Verifica andamento economico della Parrocchia.

Erano presenti all’incontro:  il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio; la Dott.ssa Rachele Vacca; i componenti il consiglio Gianpietro Pisciotta, Eugenio Ielpa e  Giulio Vitale, ed il Vicario parrocchiale Padre Ernest;

Dopo una preghiera iniziale,  il Parroco – Presidente, Mons. Cono Araugio ha comunicato che, per motivi burocratici attribuibili alla bassa valutazione d’asta dell’immobile, non è stato ancora concluso l’iter della vendita della casa, lasciata in eredità da Don Michele Oliva.  

A seguire, la Dott.ssa Rachele Vacca ha fatto prendere visione a tutti i componenti del Consiglio, dei prospetti del bilancio parrocchiale, illustrando le varie voci di entrate ed uscite, aggiornato alla data odierna. Dall’analisi delle varie voci, di è potuto constatare che le entrate, risultano di molto inferiori alle voci d’uscita.

A questo proposito, faceva notare Mons. Cono Araugio, oltre ai tanti interventi di manutenzione straordinaria che si stanno effettuando per la riqualificazione degli immobili, una delle motivazioni possibili è che tutto ciò che si effettua in parrocchia, deve essere pagato. Purtroppo non c’è alcuna forma di partecipazione volontaria alle varie necessità. Per cui la pulizia della chiesa e dei locali pastorali che si effettua settimanalmente, o altri lavori e interventi di varia manutenzione.

A tutto questo già di per se abbastanza rilevante, la voce di uscita è di circa cinquecento euro al mese.  Vanno aggiunte le uscite legate alle varie attività oratoriali, che sono state avviate per l’accoglienza dei giovani e dei ragazzi che hanno terminato la catechesi orientata alla vita  sacramentale (Giochi, campi, attività di escursione e altro) comportano una serie di spese (ritmi più frequenti di igienizzazione dei locali, maggior consumo di energia elettrica, acquisto di strumenti di animazione, ecc...)  a cui bisogna far fronte.

Nell’analisi che è seguita è emerso il fatto incontestabile che  la nostra, essendo una  Parrocchia giovane, non storicizzata, composta pertanto, per la maggior parte da famiglie di trapiantati da altre comunità. A queste si vanno aggiungendo in questi ultimi anni famiglie di immigrati europei ed extra europei, sono generalmente nuclei familiari che risentono in maniera particolare del momento di crisi generale, con situazioni di disoccupazione ed altre realtà di disagio sociale. La nostra pertanto va considerata una parrocchia povera, nel senso che le richieste di aiuto superano di gran lunga la disponibilità a sostenerle. La nostra Caritas vanta una iscrizione di circa centosettanta nuclei familiari per un totale di circa seicentocinquanta assistiti che cercano aiuto in alimenti e in indumenti, a queste situazioni di disagio dichiarato occorre aggiungere tutta una serie di situazioni di malessere sociale diffuso e velato a motivo della dignità delle persone.

I parrocchiani, nella diversità delle articolazioni sociali ai vari livelli, sono anche loro vittime della congiuntura economica in atto, per cui partecipano al sostentamento economico della parrocchia per come possono. Anche per quanto concerne le offerte ricevute durante le questue domenicali e in occasione dei momenti sacramentali si registra un livello di disponibilità non elevato. Viene fatto rilevare anche che questa situazione è da sempre una caratteristica che più volte è stata trattata, ma che si comprende solo per il fatto che la gran parte dei battezzati che appartengono alla parrocchia non vivono in modo emozionale il loro essere legati alla vita della nostra comunità, ma restano fortemente ancorati a quelle di provenienza.

Per l’immediato futuro, è previsto con copertura economica,  la realizzazione del previsto campetto di calcio per l’oratorio, il rifacimento dell’impianto elettrico della chiesa, in quanto quello attualmente in funzione, appartiene ai primi lavori della costruzione della Chiesa e non risulta a norma. A livello ornamentale è prevista la realizzazione della Via Crucis in mosaico.

Concludendo il Parroco – Presidente, Mons. Cono Araugio, ha invitato tutti ad andare avanti ed a proseguire, la disponibilità con serenità, ognuno per la propria parte per quanto chiamato a fare, avendo chiara la coscienza che il Signore non mancherà di sostenere l’opera che ha iniziato, certamente ha anche incoraggiato a collaborare  alle varie  attività e iniziative della parrocchia, con la gioia di farlo nel Signore.

Alle ore 20,00 circa, non essendoci altri argomenti da trattare, l’incontro è stato concluso con una preghiera.

                        Il  segretario                                                                                                                                                                                         

                Gianpietro  PISCIOTTA                                                                                                                                                                               

                                                                                                                                                                                                          Il Presidente

                                                                                                                                                                                                Mons.  Cono  ARAUGIO

 

VERBALE N. 5 del Consiglio Pastorale degli Affari Economici

 

Scalea – Oggi 19 luglio 2013, alle ore 21,00 nel salone P. G. Frassati si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore di Scalea, con il seguente ordine del giorno:

1.      Comunicazioni da parte del Parroco, Mons. Cono Araugio, circa l’eredita di Don Michele Oliva inerente la quota parte “Genovesi”.

2.      Assegnazione Borsa di Studio in memoria di Don Michele OLIVA.

Erano presenti all’incontro:  il Parroco – Presidente Mons. Cono Araugio; la dott.ssa Rachele Vacca; i componenti il consiglio Gianpietro Pisciotta, Eugenio Ielpa e  Giulio Vitale;

     Dopo una preghiera iniziale,  per il primo punto all’ordine del giorno, il Parroco – Presidente, Mons. Cono Araugio ha comunicato che è stato concluso l’iter inerente la quota parte “Genovesi” dell’eredità di Don Michele Oliva;  pertanto la  Parrocchia ha ricevuto la quota  spettante di  circa  € 51.000,00;  di detta somma, € 15.000,00 sono stati convertiti in B.F.P. intestati al Parroco pro tempore della Parrocchia, Mons. Cono Araugio; un’altra parte servirà per pagare le spese per lavori già effettuati in chiesa; il tutto, chiaramente, verrà successivamente, rendicontato nel bilancio parrocchiale.

     Il presidente, ha inoltre comunicato che tutti i precedenti Conti correnti ed i Libretti postali, intestati a Don Michele Oliva, sono stati estinti e le relative somme sono state versate su un unico Conto Corrente parrocchiale.

     Per il secondo punto all’ordine del giorno, preso atto che la commissione esaminatrice, presieduta dal Prof. Vaccarone, ha valutato gli elaborati presentati, inerente l’assegnazione della Borsa di Studio in memoria di Don Michele OLIVA, stilando una graduatoria di merito per il 1°, 2° e 3° posto, si è proceduto all’apertura delle buste contenenti i nominativi, relativi agli elaborati scelti per la quale si è determinato il seguente risultato: al primo posto è risultato lo studente Ettore DURANTE con l’elaborato intitolato La vita di ogni persona;  il secondo posto è andato alla studentessa Elena SANGIOVANNI, con l’elaborato intitolato “Apriamo gli occhi”; ed al terzo posto si è classificata la studentessa Sara PONTE con l’elaborato intitolato “Caro Dio”, al quarto posto un elaborato pittorico dello studente Filippo RAFFAELE che ha inteso rappresentare le difficoltà dei giovani  in riferimento alla vita di fede. 

     Molti turisti continuano a chiedere informazioni su Don Michele, epressione di un affetto che continua immutato, per cui si è pensato di solennizzare la sua memoria giorno 8 agosto c. a.  con la Celebrazione Eucaristica in suffragio di Don Michele, alla quale farà seguito, nel salone, la proiezione dell'inaugurazione del Campanile, fortemente voluto e progettato durante il suo ministero, che certamente rappresenta uno dei momenti più esaltanti della sua missione pastorale di parroco a Scalea. A conclusione della manifestazione ci sarà la consegna della Borsa di Studio intitolata a Don Michele.

Alle ore 22,00 circa, non essendoci altri argomenti da trattare, l’incontro è stato concluso con una preghiera.

 

Il  segretario                                                                                                                                                                                Il Presidente

Gianpietro  PISCIOTTA                                                                                                                                                            Mons.  Cono  ARAUGIO

 

 

Rendiconto economico della Festa di San Giuseppe Lavoratore 2013

 

ENTRATE

Dalle 587 offerte raccolte dal Comitato                     € 3.212,80

Dalle 45 buste ricevute dal Parroco                           €    677,50

Candeliere e Questua                                                   €    449,58

TOTALE                                             € 4.339,88

 

USCITE

Luce + nafta per cinque giorni                                 € 1.418,00

Server per due serate                                                 €    400,00

Materiale di sensibilizzazione                                    €    250,00

Complesso Bandistico                                                 €    800,00

Faretti con Batteria per  pedana                               €    110,00

Fiori                                                                              €    150,00

Fuochi pirotecnici                                                       € 1.100,00

Serata con Musica e Crispelle                                   €    300,00

Tassa diocesana                                                           €    110,00

Giornata del Seminario                                              €    400,00

TOTALE                                            € 5.038,00

 

Passivo della Festa                           €  - 698,12

 

                                                                          VERBALE N. 4 del Consiglio Pastorale degli Affari Economici

Scalea – Oggi 27 aprile 2013, alle ore 20,00 nel salone P. G. Frassati si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore di Scalea, con il seguente ordine del giorno:

  • Apertura buste e verifica offerte d’acquisto, della casa e del magazzino donati alla parrocchia da Don Michele Oliva.

  • Verifica andamento economico della festa patronale di San Giuseppe Lavoratore.

  •      Erano presenti all’incontro: il Presidente Mons. Cono Araugio; la dott.ssa Rachele Vacca; i componenti il consiglio Gianpietro Pisciotta, Eugenio Ielpa, Giulio Vitale; nella seconda parte per il Comitato dei festeggiamenti, erano presenti il sig. Valestro Orefice ed il Sig. Ettore Durante.

         Per il primo punto all’ordine del giorno, si è preso atto che, per d’acquisto della casa e del magazzino donati alla parrocchia da Don Michele Oliva, sono pervenute n. 2 offerte in busta chiusa e, dopo aver controllato e verificato che le stesse risultassero chiuse e sigillate, si è proceduto alla loro apertura. Nella prima busta, di colore bianco, era contenuta una offerta avanzata dal Sig. M. V. G.  corrispondente ad € 43.000,00 (euro quarantatremila/00) Nella seconda busta, di colore senape, era contenuta una offerta avanzata dal Sig. L. C. corrispondente ad € 50.000,00 (euro cinquantamila/00). Considerato che l’offerta più vantaggiosa, risulta essere quella contenuta nella seconda busta, il CPAE all’unanimità, decide di accettare l’offerta posta in essere dal sig. L.C. e corrispondente ad € 50.000,00 (euro cinquantamila/00). e autorizza il parroco, legale rappresentate della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore a procedere alla stipula del contratto di vendita della casa e del magazzino, secondo quanto previsto dalle procedure di legge.

         Si è poi passati al 2° punto all’ordine del giorno; il presidente, Mons. Cono Araugio, comunica di aver ricevuto, per la festa patronale di San Giuseppe Lavoratore del 1° maggio, ad oggi, n. 12 offerte in busta pari ad € 93,00 (euro novantatre/00); I membri del comitato festeggiamenti, hanno inoltre raccolto con il blocchetto delle offerte, le seguenti somme: il sig. Valestro Orefice: € 1.724,00 (euro millesettecentoventiquattro/00); la sig.ra Bianca: € 450,00 (euro quattrocentocinquanta/00); il sig. Salvatore € 500,00 (euro cinquecento/00); il sig. Angelo € 100,00 (euro cento/00); il sig. Carmelo Mirto € 300,00 (euro trecento/00); per un totale complessivo di € 3.500,00 (euro tremilacinquecento/00). Le uscite inerenti le spese sostenute finora, risultano di circa euro 4.100,00 (euro quattromilacento/00). Il bilancio finale e dettagliato della festa, sarà rendicontato in un prossimo incontro del CPAE; pertanto non essendoci altri argomenti da trattare, alle ore 20,30 circa l’incontro è stato concluso con una preghiera.

                                                  Il Segretario  

                   Gianpietro Pisciotta                   

                                                                                                                                                                                                                                               Il Presidente

                                                                                                                         Mons. Cono Araugio      

     

    VERBALE N. 3 del Consiglio per gli Affari Economici

    Scalea – Oggi 15 aprile 2013, alle ore 19,30 nel salone P. G. Frassati si è riunito il CPAE della Parrocchia San Giuseppe Lavoratore di Scalea, con all’ordine del giorno: Approvazione del bilancio parrocchiale anno 2012. Erano presenti all’incontro: il Presidente Mons. Cono Araugio; la Dott.ssa Rachele Vacca; i componenti il consiglio Gianpietro Pisciotta, Eugenio Ielpa, Giulio Vitale. La Dott.ssa Vacca, ha illustrato la situazione del bilancio parrocchiale per l’anno 2012 che risulta essere così sintetizzato:

    ENTRATE       € 63.008,66

    USCITE         € 41.467,30

    SALDO          € 21.541,36

         Il presente bilancio include necessariamente l’importo di € 32.856,08 scaturito dalle voci: Donazioni, Entrate, Legati, e relativo all’eredità lasciata dal compianto Don Michele Oliva; anche se, a motivo di una articolazione burocratica veramente molto sofisticata, non ancora completata in tutto il suo iter testamentario, per cui effettivamente nulla è ancora  entrato a far parte delle voci di bilancio della parrocchia. Effettivamente, ad oggi, la situazione di bilancio segna un passivo di € 11.314,72 diconsi undicimilatrecentoquattordici/72.

         Pertanto, come suddetto al 31 dicembre 2012 si ha un saldo positivo di € 21.541,36 a cui va sommato l’avanzo di gestione del bilancio relativo all’anno 2011 di € 2.594,00. L’attivo di bilancio al 31 dicembre 2012 ha un saldo positivo di € 24.135,36. Il prospetto, con tutte le relative e dettagliate voci, del bilancio e comprensivo di tutti gli estratti conto, viene allegato al presente verbale.

         Il bilancio parrocchiale per l’esercizio dell’anno 2012, è stato approvato e firmato da tutti i componenti del CPAE.

         Il presidente, Mons. Cono Araugio, a margine della riunione, ha sinteticamente messo al corrente tutti i componenti del CPAE, delle complesse procedure e delle difficoltà, che si stanno registrando nell’espletamento dell’iter relativo alla successione e all’eredità lasciata da Don Michele Oliva. Ha anche comunicato la chiusura del Conto Bancario intestato a Don Michele Oliva presso la Sede di Verbicaro. Questo Conto dopo aver ottemperato alla motivazione per cui era stato attivato, le spese per le esequie, ha comportato per il bilancio parrocchiale un introito di Euro quattromila/00. L’incontro è stato concluso con la preghiera alle ore 20,30.

                        Il Segretario

                                  Gianpietro Pisciotta

                                            Il Presidente

                                                                       Mons. Cono Araugio

     

    Parrocchia San Giuseppe Lavoratore

                                                                                                                 

            Per quanto concerne la casa e il magazzino donati alla parrocchia da Don Michele OLIVA e situati in via Saragat, il Consiglio per gli Affari Economici della parrocchia, nell’incontro di Domenica 10 marzo 2013,  ha deciso di procedere alla vendita degli stessi partendo da una quota di riferimento di 70.000,00 euro. Gli interessati potranno presentare una loro offerta in busta chiusa entro il 25 aprile c.a.

         Le busta saranno aperte durante un incontro del Consiglio per gli Affari Economici convocato nella Settimana successiva. Gli immobili saranno dati a chi avrà fatto l'offerta più vantaggiosa per la parrocchia.

         Secondo quanto aveva stabilito Don Michele OLIVA, nel suo Testamento, il ricavato della vendita sarà utilizzato per le attività catechistiche e liturgiche, la formazione dei giovani e la vita caritativa della comunità parrocchiale.

     

    Scalea il 14 marzo 2013

                                                                                                                                                      Il Parroco

                                                                                                                                                     Mons. Cono ARAUGIO

     

     

    Scalea, Domenica  10 marzo 2013 nei locali pastorali con inizio alle ore 20,00 è iniziato l'incontro del CPAE. erano presenti tutti i componenti il Consiglio: Mons. Cono ARAUGIO Presidente, Don Leonardo GRISOLIA Membro di Diritto, Rachele VACCA Commercialista, Giampietro PISCIOTTA Diacono Permanente, Eugenio IELPA Diacono Permanente, Giulio  VITALE Accolito. Dopo un breve momento di preghiera e la presentazione degli argomenti all'ordine del giorno, ha preso la parola la dott.ssa Kelly Vacca, che ha relazionato sulla situazione economica emersa dai documenti di bilancio per l'anno solare il 2012. Dalla relazione è emersa, cosa peraltro normale data la morte improvvisa di Don Michele Oliva, una difficoltà oggettiva a poter presentare un lavoro completo anche perché manca del tutto il mese di settembre, che non ha avuto modo di elaborare nelle sue sintesi, e alcune voci di spesa anche rilevanti vanno considerati fuori bilancio per il modo che aveva Don Michele Oliva di gestire il bilancio della parrocchia nel quale annotava solo le voci inerenti il quadro di rendiconto diocesano.

    A questo occorre aggiungere che le voci inserite da Don Giacomo Benvenuto, rappresentante legale della parrocchia fino al 25 novembre, inerenti la successione testamentaria ancora non sono materialmente utilizzabili perché la successione è stata completata solo in questi giorni. Per cui al 31 dicembre 2012 abbiamo una ipotesi di capitale che in realtà non era ancora accreditabile. Comunque sia, a prescindere da queste difficoltà la parrocchia presenta una situazione economica positiva, anche se non eccessivamente tenendo anche presente alcune spese abbastanza rilevanti quali l'impianto fotovoltaico e la climatizzazione dell'aula liturgica. Di tutto sarà dato un rendiconto dettagliato non appena saranno ultimate le operazioni di stesura del bilancio.

    Quindi il Parroco ha introdotto il CPAE alla problematica della successione che è stata ultimata nella sua componente tecnica ma che presenta dei risvolti non sempre piacevoli dal punto di vista attuativo, per ricordare, sono stati attribuiti alla parrocchia, nel rispetto del dettato testamentario: la macchina, la casa e il magazzino sottostante, il libretto postale  personale di Don Michele, il libretto postale cointestato con Don Giovanni Celia per le quote di competenza, il conto bancario personale presso la Banca di Verbicaro, la quota parte di una pensione di cui era destinatario con altri sei cugini. Adesso rimane la fase dell'intestare alla parrocchia tutto quello che Don Michele ha voluto donare finalizzandoli all'animazione pastorale della stessa e al sostegno delle attività inerenti l'accoglienza e la formazione degli adulti, dei ragazzi e dei giovani. Sono stati giù acquistati alcuni giochi per la vitalizzazione delle iniziative oratoriali. Oltre la riqualificazione dell'aula liturgica che è gìà in atto, si sta procedendo alla realizzazione di un campo di calcetto nel territorio della parrocchia e la riqualificazione del Calvario in via Lauro. E' una fase che non manca di presentare alcune difficoltà ma che sarà perseguita con serenità e fermezza, per come si era già definito inizialmente.

    Per quanto concerne la vendita della casa e del magazzino situati in via Saragat, si è deciso di procedere alla pubblicizzazione dell'iniziativa partendo da una quota di riferimento di 70.000,00 euro. Agli interessati sarà data una scheda che descrive gli immobili in oggetto. Agli stessi sarà chiesto di presentare una loro offerta in busta chiusa entro il 25 aprile c.a. Le busta saranno aperte durante l'incontro del CPAE e l'immobile sarà assegnato a chi avrà fatto l'offerta più vantaggiosa per la parrocchia.

    Dopo una serie di interventi esplicativi inerenti alcune richieste sulla situazione di voci specifiche del bilancio parrocchiale, quali il finanziamento della Carità e le entrate inerenti la vita sacramentale, l'incontro è terminato alla ore 21,15 circa.

    Scalea 5 marzo 2013

    Comunico Ai componenti del CPAE che Domenica con inizio alle ore 20,00 è convocato il Consiglio per gli Affari Economici della Parrocchia, per approfondire il seguente ordine del giorno:

    1. Presentazione del rendiconto economico della parrocchia per l'anno 2011/2012;

    2. approvazione del  bilancio presentato dalla Commercialista Dott.ssa Vacca;

    3. Aggiornamento del Parroco sulla situazione della della successione all'eredità di Don Michele Oliva.

    Incontro assembleare sulla eredità del mio predecessore  Don Michele Oliva

         Giorno 14 febbraio con inizio alle ore 19,00 nei locali parrocchiali si è svolto l'incontro convocato dal Parroco per comunicare la situazione, allo stato attuale, dell'eredità dei beni materiali che Don Michele Oliva ha lasciato alla parrocchia. Dopo un breve momento di preghiera iniziale, il Parroco ha letto all'assemblea dei presenti  il testamento olografo, e ha messo in risalto i punti salienti dell'atto di generosità che ha pochi precedenti ed esprime certamente il profondo affetto che Don Michele nutriva e continua a nutrire dal cielo, verso la sua comunità parrocchiale. Dal testamento si evince in modo evidente l'annullamento di ogni altra volontà o scritto testamentario precedente. La serenità nei confronti dei familiari già beneficati con propri lasciti in vita. L'esistenza di altri due lasciti cointestati a Don Giovanni Celia e a Silvio Silvestri con finalità ben definite e le eccedenze dal condividere. Un altro lascito alla Curia vescovile per la celebrazione delle messe e per opere di carità. Inoltre viene donato alla parrocchia San Giuseppe tutto quanto è intestato a lui nel momento della morte: La sua casa con magazzino  in via Saragat, la sua macchina, il libretto postale personale, la quota parte di una eredità della quale era in corso la suddivisione con i suoi sei cugini. Allo stato attuale si è quasi pervenuti, non senza difficoltà procedurali di qui l'esigenza di affidare tutto a un avvocato, al completamento della pratica di successione. Anche se ancora non tutta la documentazione è leggibile, per difficoltà che permangono a livello istituzionale, in ogni sua parte. Per cui si è orientati a definire la successione per poi adire le vie legali per il recupero di tutto quanto spetta alla parrocchia. Si è aperta una discussione concernente l'utilizzo di questi beni, tra le quali anche l'opportunità ventilata di accogliere in queste strutture persone bisognose, incrementare i servizi orientati alla carità, potenziale la biblioteca parrocchiale, attivare una fondazione, e ancora altre. Il Parroco ha comunicato che l'intenzione è quella di alienarli per realizzare le strutture oratoriali per l'accoglienza dei ragazzi e dei giovani, che dal testamento emerge come il problema più accentuato da Don Michele per la valorizzazione del lascito testamentario. A questo proposito ci si è già attivati per la progettazione e la realizzazione di un campetto a ridosso della canonica, che nel contempo amplierà la struttura di accoglienza dei bisognosi che grazie all'azione dei volontari è già meta mensile per oltre 180 famiglie della nostra città. A conclusione il parroco ha comunicato la composizione del nuovo Consiglio per gli Affari Economici Parrocchiale nelle persone di: Mons. Cono ARAUGIO Presidente, Don Leonardo GRISOLIA Membro di Diritto, Rachele VACCA Commercialista, Giampietro PISCIOTTA Diacono Permanente, Eugenio IELPA Diacono Permanente, Giulio  VITALE Accolito. Dopo aver ringraziato i partecipanti e il dono che Don Michele continua ad essere per la sua generosità verso al comunità, l'assemblea  è stata sciolta alle ore 20,25.

    Verbale del Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici del 5 dicembre 2012

         Su convocazione verbale del Parroco pro tempore Mons. Cono ARAUGIO, il CPAE si incontra presso i locali della Casa Canonica con inizio alle ore 19,00. Il Parroco comunica brevemente che, dati i tempi che esige viste le difficoltà incontrate, a motivo della complessità delle operazioni da fare, per il proseguimento della pratica per la successione testamentaria della Parrocchia in tutti i capitoli a suo favore elencati nel testamento di Don Michele OLIVA, per il quale compito non pensava, visti gli impegni pastorali pressanti in questa fase dell'anno liturgico, di poter dedicare il tempo necessario, ha dato delega all'Avvocato Marina FALOVO di proseguire per conto della Parrocchia stessa la regolarizzazione del testamento. Ha inoltre comunicato che, per poter agire più serenamente negli adempimenti testamentari, sospende pro tempore le competenze del CPAE, perché nessuno dei componenti fosse coinvolto nella complessa materia e, come consulente contabile per il disbrigo della vita economica ordinaria della parrocchia,  si avvarrà della collaborazione della Dottoressa Vacca Kelly e, per rispettare la continuità con il precedente CPAE  si avvarrà della collaborazione del Diacono permanente Giampiero Pisciotta. 

    Verbale di Consegna dei Beni della Parrocchia di San Giuseppe da parte dell'Amministratore Don Giacomo BENVENUTO

          DR. Silvio SILVESTRI

         Presa visione del rendiconto dettagliato e delle operazioni effettuate per la pubblicazione del testamento olografico di Don Michele OLIVA, che è stato letto ai componenti il CPAE,  nel quale dichiarava che annullava ogni suo precedente scritto il Parroco Mons. Cono ARAUGIO ha sospeso la seduta alle ore 20,15.

    Via Luigi Sturzo, 54  -  87029 Scalea - Cs 

    tel/fax 0985/920078

    Contatore visite